Home / Recensioni & Eventi / “Il grande carrello”: tutti i segreti dei supermercati, tra marketing emozionale, sottocosto e aste al doppio ribasso

“Il grande carrello”: tutti i segreti dei supermercati, tra marketing emozionale, sottocosto e aste al doppio ribasso

il grande carrello libro copertinaCome fanno i supermercati ad attirare nuovi clienti, strappandoli alle catene rivali? E a convincere i consumatori ad acquistare prodotti di cui non hanno bisogno? E, alla fine dei conti, chi è che paga davvero il prezzo delle offerte e dei sottocosto? A svelarci i segreti della grande distribuzione ci pensa il libro Il grande carrello, edito da Laterza e scritto a quattro mani da Fabio Ciconte, direttore dell’associazione ambientalista Terra!, e Stefano Liberati, giornalista e registra.

Dopo il racconto della nascita della prima catena negli Stati Uniti, dall’intuizione di un commesso di un negozio di alimentari, il libro ci porta tra gli scaffali dei supermercati per spiegarci come ogni punto vendita sembra fatto su misura per noi e come, attraverso il marketing emozionale, le catene riescano a manipolare gli acquisti di ciascuna tipologia di cliente che li frequenta.

E di consumatori diversi ne esistono almeno cinque, classificati proprio per le catene da GFK: ci sono i cacciatori, che armati di volantini vagano da un punto vendita all’altro alla ricerca dell’offerta migliore; i pragmatici, che comprano solo il necessario senza perdere tempo tra gli scaffali; i prudenti, che diffidano delle novità; gli esperti, che si soffermano a leggere le etichette e a confrontare i prodotti; e i brand fan, che senza limiti di budget acquistano solo i prodotti delle marche preferite e non si fidano delle altre.

Ma i prezzi bassi, le offerte e i sottocosto praticati per attirare i clienti finiscono per scaricarsi sulle catene più deboli delle filiere agroalimentari. Magari con il meccanismo delle aste a doppio ribasso, praticate spesso da Eurospin: il libro ci ricorda appunto il caso di una fornitura di passata di pomodoro acquistata dalla catena di discount italiana in sottocosto proprio per mezzo di questo meccanismo, denunciata proprio dall’associazione Terra! nel 2018.

Tra listing fee pagate dalle aziende per vedere i propri prodotti esposti, private label e prodotti free from, questo libro è un viaggio tra le corsie dei supermercati che può farci ragionare sulle nostre abitudini di acquisto e capire che tipo di consumatori siamo e vorremmo essere.

“Il grande carrello. Chi decide cosa mangiamo” di Fabio Ciconte e Stefano Liberati. 119 pagine Editori Laterza 2019. 15,00 euro.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

segreti e insidie del cibo ultra-trasformato dettaglio copertina

“Segreti e insidie del cibo ultra-trasformato”: il nuovo dossier de Il Fatto Alimentare. Tutto quello che c’è da sapere su alimenti industriali e salute

Ogni settimana vengono pubblicati studi che dimostrano come il cibo ultra-trasformato faccia ingrassare, oltre alle correlazioni …

Un commento

  1. Federico Marchini

    Ricordo che Stefano Liberti è anche l’autore dell’ottimo ” I padroni del cibo”