Home / Recensioni & Eventi / Preoccupati per l’ambiente ma golosi di carne, il profilo degli italiani nel nuovo Rapporto Coop

Preoccupati per l’ambiente ma golosi di carne, il profilo degli italiani nel nuovo Rapporto Coop

Pubblicato in questo giorni il nuovo Rapporto Coop che rivela consumi e stili di vita degli italiani, realizzato dall’Ufficio Studi di Ancc-Coop. Il documento dipinge una situazione abbastanza critica in cui dominano preoccupazione economica e insicurezza sociale con un poco invidiabile primato: siamo il popolo più pessimista d’Europa. Ma se i consumi in genere calano per la prima volta dal 2013, gli italiani si riscoprono più green, anche negli acquisti. Infatti, oltre all’aumento della mobilità sostenibile e all’armadio eco compatibile, quando si parla di valori del cibo, ricopre sempre più importanza la sostenibilità ambientale e sociale.

Una tendenza virtuosa che forse non è seguita da comportamenti analoghi visto che torna alla ribalta la carne (+3,5% le vendite nel 2019) mentre calano i suoi sostituti vegetali. Proprio nel rapporto si trovano i dati aggiornati rispetto l’impatto ambientale dei singoli alimenti, che vede sempre in cima alle classifiche, sia per emissioni di CO2 che per consumo di acqua, la carne bovina e avicola.

Rapporto Coop
Il Rapporto Coop evidenzia una continua fuga dai fornelli

L’apporto proteico assilla a tal punto gli italiani che nel 2018 su Google alla parola “proteina” sono associate 64 milioni di ricerche. E così la dieta si riempie di proteine e fibre a scapito di grassi e carboidrati, purché si tratti di prodotti 100% di origine italiana, un valore ritenuto più importante addirittura della sicurezza alimentare. Con un occhio alla salute e uno alle mode, gli italiani abbandonano le bibite gassate, per la nuova tendenza delle acque aromatizzate che dominano (negli ultimi 12 mesi le vendite a valore registrano un +164,7%).

Anche “il fresco” è in ripresa, in particolare la verdura con un più 8%, e il cibo pronto che oltre ai canali tradizionali del take-away e delle consegne a domicilio, guadagna spazio sugli scaffali dei supermercati, in particolare frutta e verdure IV gamma (quella lavata e asciugata, pronta al consumo) e tutta l’offerta dei primi piatti pronti con una nuova tendenza in ascesa, gli snack dolci a base di frutta.
Tra gli impegni lavorativi e i momenti liberi da gestire, si dedica sempre meno tempo alla cucina, dimezzato vent’anni (oramai appena 37 minuti al giorno trascorsi a cucinare), mentre aumenta la spesa per la ristorazione extradomestica soprattutto per colazione o brevi spuntini.

Una nota curiosa del report riguarda il boom di vendite di pentole elettriche, le “instant pot”, (+72,8% le vendite nei primi 7 mesi dell’anno), che promettono successi culinari istantanei unicamente impostando il programma di cottura desiderato sullo schermo digitale del coperchio.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Different water bottles for sports on color background

A scuola si combatte la plastica: borracce agli studenti in molti comuni italiani

In tutta Italia prende sempre più piede la distribuzione delle borracce nelle scuole. Ecco dunque …

3 Commenti

  1. Avatar

    le trasformazioni dei tempi che viviamo ci portano a considerare sempre più un fastidio dedicare tempo alla cura della nostra alimentazione fatta con le nostre mani. le nuove generazioni sono interessate ad altro e le tradizioni culinarie sono sempre meno diffuse e sempre più ristrette a specifiche categorie di persone. se da un lato ciò libera più tempo per molti per affrontare nuove necessità, da un altro pone delle domande sulla effettiva bontà di delegare ad alcuni professionisti, veri o improvvisati, l’attenzione sulla qualità della propria nutrizione.

    • Avatar

      Mah. A giudicare dal successo delle trasmissioni TV di cucina, riviste ecc., non è mica detto che le cose stiano come dice lei.

  2. Avatar

    Questo é quel che succede quando si dà troppa importanza al LAVORO e non alla propria SALUTE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *