;
Home / Pubblicità & Bufale / Vantava risultati strabilianti: censurata la pubblicità di un integratore alimentare

Vantava risultati strabilianti: censurata la pubblicità di un integratore alimentare

integratore alimentare skin care collagen fillerIl Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) con l’ingiunzione n°26/21 ha censurato la pubblicità dell’integratore alimentare Skin Care Collagen Filler di New Nordic Srl. Il messaggio pubblicitario contestato, comparso sul settimanale Diva e Donna dell’8 giugno 2021, è stato ritenuto manifestamente contraria all’articolo 23 del Codice di autodisciplina pubblicitaria, che regola la comunicazione di integratori alimentari e prodotti dietetici.

Lo Iap fa sapere che l’inserzionista non ha compiutamente ottemperato alla richiesta di fornire una dimostrazione dell’efficacia vantata dall’integratore pubblicizzato. Il prodotto, infatti, viene pubblicizzato come in grado di ottenere risultati strabilianti attraverso messaggi come “più che un lifting”, “efficace laddove le creme cosmetiche non sono in grado di arrivare, vale a dire nel profondo strato sottocutaneo” o “è unico per diversi aspetti, nel suo genere”.

Come spiega il Comitato di controllo, “soggetti arruolati nello studio clinico (20) sono in numero insufficiente perché lo stesso possa essere considerato adeguato per giustificare i claim vantati. Inoltre, trattandosi di uno studio non controllato, non risulta possibile attribuire con certezza al trattamento le differenze rilevate, che risultano inoltre spesso modeste e transitorie. Infatti molte delle differenze stesse non appaiono significative al termine dello studio, ma unicamente nelle fasi iniziali o centrali dello stesso.” 

Per il Comitato di controllo, i risultati dello studio, pur con i limiti rilevati, possono al massimo suggerire una riduzione delle rughe, ma non risultano sufficienti per giustificare le affermazioni perentorie presenti nella pubblicità, e claim come “alcune rughe erano completamente sparite”

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com (copertina)

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Parmigiano Reggiano veterinari

“Nelle nostre stalle non serve il veterinario” Anmvi chiede rettifica e il Parmigiano Reggiano cambia subito lo slogan

“Nelle nostre stalle non serve il veterinario”. Questo slogan, inserito in uno spot all’interno di …