Home / Recensioni & Eventi / Consumatori o consumattori? Un incontro per parlare di efficacia ed eticità della comunicazione pubblicitaria

Consumatori o consumattori? Un incontro per parlare di efficacia ed eticità della comunicazione pubblicitaria

pubblicita 166380673
La pubblicità può essere efficace ed etica allo stesso tempo

Il 15 marzo si terrà a Milano (ore 10.00-13.00) presso l’Auditorium Assolombarda (Via Pantano 9) l’incontro “Consumatori o consumattori? La pubblicità etica come fattore di competitività per le imprese”, promosso da EthicsGo, istituto indipendente di comunicazione etica. In questo incontro si affronterà la necessità che una comunicazione pubblicitaria sia efficace sia etica. Per capire come poter unire questi due aspetti si parlerà con esperti di varie discipline, come Emanuele Nenna, vicepresidente di Assocom, Agcm (Autorità garante della concorrenza e del mercato) e Iap (Istituto di autodisciplina pubblicitaria), Adriana Pontecorvo, presidente del gruppo alimentazione di Assolombarda; Giuseppe Patat, fondatore di EthicsGo; Maurizio Pessato, presidente dell’istituto di ricerca Swg; Francesca Benatti, docente dell’Università degli Studi di Padova; Gianfranco Marrone, semiologo; Salvatore Castiglione, quality & regulatory director di Danone.

Durante l’evento si parlerà di un’indagine realizzata da Swg sul vissuto dei consumatori e sulla percezione delle imprese, e verrà presentato il modello EthicsGo, che certifica i messaggi secondo i criteri di ammissibilità, veridicità, conformità, efficacia, eticità. Per informazioni: info@ethicsgo.com – tel. 045/8538760.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

studenti universita scuola

Master in “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati alimentari”: il nuovo corso dell’Università di Milano Bicocca

Al via il master di primo livello “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati …

Un commento

  1. Oggi per la prima volta ho visto in tv la pubblicità di quanto fa bene l’olio di palma, sono rimasta basita per l’affrontatezza su come vogliono infinocchiare noi
    consumattori. Intervenite!