;
Home / Etichette & Prodotti / Prodotti lattiero caseari a base vegetale: il Parlamento Europeo arretra non ci saranno ulteriori vincoli

Prodotti lattiero caseari a base vegetale: il Parlamento Europeo arretra non ci saranno ulteriori vincoli

latticini latte formaggi burro yogurtIl Parlamento Europeo ha respinto il tentativo di aggiungere restrizioni ingiustificate e sproporzionate all’etichettatura, al packaging e alle modalità di marketing dei prodotti lattiero-caseari a base vegetale. Gli eurodeputati hanno accettato di eliminare il controverso emendamento 171, attraverso il quale sarebbe stata  avviata una manovra di censura alle alternative vegetali a latte, yogurt e formaggi.

L’emendamento 171 prevedeva una drastica estensione delle restrizioni già esistenti sulle denominazioni di latticini, introducendo nuovi divieti contro qualsiasi “uso diretto o indiretto” o “evocazione” dei  termini usati nell’ambito caseario. In pratica, il provvedimento avrebbe ulteriormente limitato e impedito  l’utilizzo di descrizioni sulla consistenza e il sapore dei prodotti vegetali. Anche semplici immagini  esemplificative, forme e colori di imballaggi che vengono adoperati anche dall’industria lattiero-casearia sarebbero stati vietati, come pure  informazioni sulla salute come l’assenza di lattosio o altre informazioni utili come quelle sugli allergeni.  Con l’eliminazione dell’emendamento 171, rimangono tuttavia in vigore le attuali protezioni per i termini lattiero-caseari che già in precedenza non premettevano l’uso di parole come “latte”, “yogurt” o “formaggio” per indicare le alternative.

latte scaffale supermercato
La nuova censura avrebbe messo a rischio la capacità dei produttori di informare correttamente i consumatori

L’ulteriore censura avrebbe messo a rischio la capacità delle aziende  di informare correttamente gli acquirenti che  non consumano prodotti lattiero-caseari per ragioni mediche, ambientali, religiose o etiche. In questo modo  la gente non si accorgerà di nulla visto che non cambierà l’immagine dei prodotti vegetali e anche le scritte o la pubblicità. Si tratta di una decisione in linea con la transizione alimentare presentata tra gli obiettivi di sostenibilità del Green Deal europeo e della Strategia Farm to Fork che riconosce la necessità di passare a una dieta maggiormente a base vegetaleSoddisfatte della decisione sono Humane Society International/Europe, Essere Animali e Compassion in World Farming Italia Onlus che, insieme alla European Alliance for Plant-based Foods (EAPF), che si erano rivolte in una lettera alla Commissione Europea e agli Stati Membri nel Consiglio dell’UE per fermare la proposta.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Olio extravergine, come sceglierlo? Il prezzo non basta, occorre assaggiarlo

Scegliere quale olio extravergine di oliva comprare fra le decine di bottiglie esposte sugli scaffali …

5 Commenti

  1. Avatar

    Per ottenere qualcosa si è dovuto attendere l’entrata decisa nel business delle alternative vegetali dei giganti multinazionali del food, gruppi di pressione che muovono miliardi e che hanno capito come gira il vento.
    Ridicolo come ancora l’uso di parole come “latte”, “yogurt” o “formaggio” per indicare le alternative vegetali non sia consentito.
    Si aggrappano disperatamente ad un castello di carte.

  2. Avatar

    mi sono sempre chiesto perchè il salame di cioccolato è accettato, anche se fatto con cioccolato e biscotti, ma se il salame è di seitan no oppure perchè il burro di arachidi, fatto solo son arachidi e olio di arachide è accettato e il burro di soia, fatto con la soia no, misteri…

    • Avatar

      A) Perchè quello di cioccolato non lo trovi assieme a quelli “salati” quindi non puoi confonderti.
      b) E’ un nome tradizionale prima dell’avevento della moda alimentare.

      Poi c’è da domandarsi : ma perchè questa corsa all’imitazione dei vegetali verso i cibi tradizionali.
      Latte che non è latte, il carpaccio di rapa che non è carpaccio, il salame di seitan, Stracchino vegetale a base di riso integrale, ricotta vegetale.
      L’hamburger vegetale dovrebbe chiamarsi polpetta, ma è meno figo.

      Si chiamino con un altro nome ed è risolta.

  3. Avatar

    Trovo che la definizione “PRODOTTI LATTIERO CASEARI A BASE VEGETALE” sia completamente fuorviantee anche contro la natura della lingua italiana.

    Non c’è ne latte ne arte casearia.

    La Treccani definisce :”caṡeàrio agg. [del lat. tardo casearius, der. di caseus «cacio»]. – Che riguarda la produzione e lavorazione dei latticinî: industria, azienda casearia.”

    Da bambino, non potendo permettermi il cioccolato vero, mangiavo il surrogato di cioccolato che costava meno.
    Questi sono surrogati dei prodotti caseari, se no gli si trovi una nuova classificazione.

  4. Avatar

    Se fossero prodotti “buoni” non avrebbero nessun bisogno di presentarsi con nomi di prodotti che, loro SI sono buoni; basterebbe un nome di fantasia ed avrebbero il loro mercato. La Nutella si vende vende perché è buona e piace e non ha bisogno di imitare nessuno. La loro necessità di evocare altri prodotti è direttamente proporzionale alla loro scarsità di apprezzamento organolettico, tutto qui!