Home / Etichette & Prodotti / I prodotti italiani DOP, IGP e STG sono 299 (per ora). Ecco l’elenco aggiornato

I prodotti italiani DOP, IGP e STG sono 299 (per ora). Ecco l’elenco aggiornato

Grana Padano DOP
Il Grana Padano è una delle DOP più conosciute al mondo

Brovada, Ciauscolo, Culurgionis d’Ogliastra, La Bella della Daunia, Pitina, Pretuziano delle Colline Teramane e Silter. Probabilmente non sono tra le più conosciute, ma rientrano nel  gruppo  delle eccellenze agroalimentari con una certificazione geografica riconosciuta dall’Unione Europea. L’Italia è il Paese che si posiziona in testa alla classifica con 299 prodotti iscritti nel registro delle denominazioni di origine protette (DOP), delle indicazioni geografiche protette (IGP) e delle specialità tradizionali garantite (STG).

Proprio in questi giorni, sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, è stato pubblicato l’elenco aggiornato di questi prodotti DOP, IGP e STG che conta oltre 30 referenze in più rispetto al 2014.

cioccolato modica spezie cannella
Nel 2018 il Cioccolato di Modica ha ottenuto dall’UE il riconoscimento di IGP

A farla da padroni, non solo in Italia ma anche all’estero, sono il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano insieme al Prosciutto di Parma e di San Daniele, l’Aceto Balsamico di Modena, la Mozzarella di Bufala Campana. Nella lista troviamo anche la mozzarella e la pizza napoletana che rappresentano le uniche STG italiane. Gli ultimi ad entrare nel registro nel 2018 sono la Lucanica di Picerno e il Cioccolato di Modica.

Quanti tra questi prodotti conoscete o avete provato? Forse troppo pochi? Sul sito Qualivita sono riportate le schede tecniche di ogni alimento. È vero, le vacanze sono finite, ma immaginare di essere in Puglia a mangiare una Burrata di Andria non costa nulla, no?

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Simone Finotello

Avatar

Guarda qui

Close up photo of charming lovely hipster playing with cakes pies candies in kitchen preparing for birthday dressed in white woolen pullover isolated over colorful background

Ma esiste davvero un biscotto sano? Altroconsumo analizza 168 prodotti tra frollini, biscotti secchi, integrali e ‘senza’

C’è chi i biscotti preferisce mangiarli a colazione, chi li accompagna al classico tè delle …

Un commento

  1. Avatar

    A proposito di Dop, sarò “ingenuo”, tuttavia a parer mio un marchio di qualità dovrebbe includere anche la qualità di ogni passaggio produttivo, incluso il benessere animale e quindi visto il recente video che mostra le condizioni dei suini in un allevamento e considerando che ci sono paesi nella UE dove le gabbie sono vietate, non vedo perchè non si possa fare anche qui.

    Un video duro da vedere e proprio per questo da vedere, in modo da poter fare scelte ragionate e consapevoli. Se questo è il prezzo da pagare per mangiare un prosciutto Dop, dovrò ripensare le mie scelte alimentari

    vedi: https://ilsalvagente.it/2019/09/03/le-immagini-shock-delle-scrofe-in-gabbia-negli-allevamenti-delle-eccellenze-italiane/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *