Home / Pianeta / Le polpette svedesi di Ikea? Sono turche. La “confessione” della Svezia attraverso il suo profilo Twitter ufficiale

Le polpette svedesi di Ikea? Sono turche. La “confessione” della Svezia attraverso il suo profilo Twitter ufficiale

ikea polpette svedesi twitterQuando si visita un punto vendita Ikea, per molti è quasi irrinunciabile una sosta al ristorante svedese per riposarsi mangiando le famose polpette… Ma ora è la stessa Svezia, con un tweet dal suo profilo ufficiale, a ‘confessare’ che la pietanza resa celebre in tutto il mondo dal colosso dell’arredamento derivi in realtà da una ricetta importata dalla Turchia.

Le polpette svedesi in realtà sono basate su un ricetta che Re Carlo XII ha portato a casa dalla Turchia all’inizio del 18° secolo. Atteniamoci ai fatti!” recita il tweet ufficiale. Il sovrano svedese infatti si rifugiò nei territori dell’Impero Ottomano, dopo una cocente sconfitta inflitta dall’esercito russo dello zar Pietro il Grande, e dove visse per cinque anni. E fu così che la ricetta delle celebri polpette arrivò in Svezia, insieme ai chicchi di caffè e agli involtini di cavolo stufato (come ricorda un’altra utente Twitter).

Ma allora le polpette svedesi sono turche? Non proprio. La ricetta, infatti, come spesso accade, è stata adattata ai gusti nordici e oggi sono realizzate principalmente con carne di maiale e servite con il famoso sughetto e la marmellata di mirtilli, mentre il piatto originale turco è preparato con carne di agnello.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Le monetine da 1 e 2 centesimi finanzieranno i giovani imprenditori: è il progetto Spìcciati. I fondi destinati anche a prodotti e cibi green

Dal primo gennaio la Zecca dello Stato non conia più le monetine da 1 e …

Un commento

  1. Oddìo, adesso la Turchia sicuramente dichiarerà guerra alla Svezia perché si è appropriata di una “tipicità” turca spacciandola per “tradizionale svedese”….
    Ma pensa un po’, gli svedesi hanno osato “rielaborare” una tradizione turca… La Turchia, giustamente, dovrebbe cheiedere sanzioni contro la Svezia, chiudere i canali commerciali. Eventualmente, potrebbe chiedere consulenza a noi su come fare: abbiamo una lunga tradizione di strenue battaglie per la difesa delle nostre “tipicità”.