Home / Packaging / Plastica monouso addio: Unicoop Firenze toglie dagli scaffali stoviglie e posate usa e getta dal 1° giugno 2019

Plastica monouso addio: Unicoop Firenze toglie dagli scaffali stoviglie e posate usa e getta dal 1° giugno 2019

stoviglie posate piatti bicchieri plastica monouso usa e getta scaffaliMancano meno di due anni al bando delle stoviglie e altri oggetti in plastica monouso, che scatterà in tutta Europa nel 2021. Ma Unicoop Firenze non ha voluto aspettare e, al grido di “l’ambiente non è usa e getta”, ha deciso di togliere dagli scaffali dei suoi punti vendita piatti, bicchieri e posate in materiale plastico già dal primo giugno 2019. La decisione della cooperativa toscana di anticipare la normativa europea ed eliminare già dal prossimo mese le stoviglie di plastica usa e getta, eviterà di immettere in commercio – e quindi nell’ambiente – 80 milioni di piatti, 90 milioni di bicchieri e 50 milioni di posate monouso ogni anno, per un totale di di 1.500 tonnellate di plastica.

Unicoop Firenze, spiega una nota della cooperativa, sceglie di stare dalla parte dell’ambiente e di spingere i consumatori a cambiare le proprie abitudini. Come è già successo con l’obbligo di distribuire solo buste per la spesa in plastica biodegradabile e compostabile, che ha spinto gran parte delle persone a scegliere di portare da case le borse riutilizzabili.

Nel 2018, Unicoop Firenze aveva scelto di destinare al progetto Arcipelago Pulito l’incasso della vendita dei sacchetti compostabili per ortofrutta, che dallo scorso anno non possono più essere distribuiti gratuitamente. L’iniziativa ha consentito ai pescatori del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano (area marina fra le province di Livorno e Grosseto) di recuperare e smaltire la plastica che restava intrappolata nelle loro reti.

La nuova direttiva sulla plastica monouso approvata dal Parlamento europeo impone a partire dal 2021 il divieto per alcuni dei prodotti che più spesso sporcano i mari e le spiagge d’Europa: piatti, posate, cannucce, agitatori per bevande, cotton fioc, aste per palloncini, contenitori in polistirene espanso per bevande e cibi pronti da mangiare e pronti da cuocere. Inoltre, entro il 2029 i Paesi dell’Unione dovranno garantire il riciclo del 90% delle bottiglie in Pet, mentre entro il 2025 le bottiglie di plastica dovranno contenere almeno il 25% di Pet riciclato, e il 30% entro il 2030.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Maccheroni al formaggio nel menù degli astronauti diretti verso Marte grazie al nuovo imballo che triplica la shelf-life degli alimenti

Gli astronauti che arriveranno su Marte, così come i soldati impegnati in lunghe missioni, potranno …

3 Commenti

  1. Avatar

    La notizia è buona, ma ci si accanisce solo su ciò che è appare molto facile da eliminare. La quantità di plastica che si trova nel reparto dell’igiene personale e dei detersivi è di gran lunga maggiore.

  2. Avatar

    Va bene, ma dove finiranno tutti quei piatti e posate ecc. in plastica ritirati dagli scaffali?

  3. Avatar

    Brava Unicoop Firenze, che sia spunto anche per altre catene.