Home / Supermercato / Firma la petizione per dire basta alla vendita di snack, caramelle e dolci posizionati in bella vista vicino alle casse dei supermercati

Firma la petizione per dire basta alla vendita di snack, caramelle e dolci posizionati in bella vista vicino alle casse dei supermercati

casse supermercato
Abbiamo promosso una petizione online su Change.org rivolta alle catene di supermercati per dire stop alla vendita di dolci, caramelle e snack in prossimità delle casse.

Il Fatto Alimentare ha lanciato una petizione online su Change.org rivolta alle catene di supermercati per dire stop alla vendita di dolci, caramelle e snack in prossimità delle casse. Si tratta di prodotti disposti appositamente in quella posizione per attirare l’attenzione dei bambini e incentivare l’acquisto di impulso. Siamo di fronte a una scelta di marketing molto aggressiva  perché rivolta a minori che diventa ancor più inaccettabile considerando i problemi di sovrappeso che interessano il 30% dei piccoli e molti adulti. Se ti sembra una buona idea e vuoi aderire alla campagna aiutaci a diffondere la notizia e clicca su questo link per firmare.

Firma anche tu, clicca qui.

Il tema non è nuovo. Più volte nei dibattiti e nei convegni è stata fatta questa richiesta ai responsabili delle catene di supermercati, ma le risposte non sono mai arrivate. Spostare dolci, caramelle e snack situati in prossimità delle casse in altri scaffali probabilmente rallenta le vendite, ma si tratta di un gesto doveroso da parte delle catene di supermercati che ogni giorno si dichiarano vicine ai problemi e alle esigenze dei consumatori.

 

supermercati cassa 79079161
La scelta di posizionare alimenti classificati come junk food vicino alle casse è una forma di marketing inaccettabile perché rivolta a minori.

Lo spunto questa volta arriva dall’Inghilterra dove in seguito ad un appello di alcune associazioni di cittadini e consumatori, Tesco, la più grande catena di supermercati, ha annunciato che entro la fine dell’anno eliminerà snack e dolci dagli espositori posizionati vicino alle casse in tutti i negozi. L’azienda ha preso la decisione dopo avere valutato l’esito di un’indagine secondo cui il 65% delle persone voleva l’eliminazione di questi prodotti dalle casse. La motivazione addotta è stata la volontà di acquistare alimenti più sani per i propri figli (67%). Sempre in Inghilterra la catena di hard discount Lidl (presente in Italia) pochi mesi fa ha sostituito qualche mese fa le caramelle e gli snack in vendita in prossimità delle casse con succhi di frutta e altri prodotti meno attraenti per i bambini. L’esposizione di prodotti e snack generalmente ricchi di zuccheri, grassi, sale, conservanti e coloranti rappresenta infatti un elemento di conflitto tra genitori e bambini, che quando sono in fila per pagare la spesa, fanno capricci finché non ottengono uno di questi snack. La scelta di posizionare alimenti classificati come junk food vicino alle casse è una forma di marketing inaccettabile perché rivolta a minori.

 

Il Fatto Alimentare ha inviato questa richiesta alle più importanti catene (*) e aspettiamo fiduciosi una risposta. Per supportare l’iniziativa chiediamo a lettori, cittadini, consumatori, genitori e alle associazioni di dietisti e pediatri di aderire alla petizione.

Firma anche tu, clicca qui.

(*) Coop, Conad, Esselunga, Auchan, Carrefour, Simply, Eurospin, Lidl, Il Gigante, Pam, Iper, Billa, Crai, Unes, Selex, Sma, Gruppo Lombardini, MD Market, LD Market, Supersigma, NaturaSì…

 

© Riproduzione riservata

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

intestato a Ilfattoalimentare.it di Roberto La Pira

indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

* Con PayPal

Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

spesa supermercato

Fare la spesa a Milano: Esselunga la più conveniente. Carrefour quella più cara (19% in più)

Se abitate a Milano sappiate che tra i dieci supermercati più convenienti sette fanno parte …

14 Commenti

  1. Avatar

    Firmato, ovviamente, ma soprattutto diffonderò da oggi il messaggio tramite il Blog e tutti i canali ad esso collegati ovvero il Gruppo FB, la Pagina FB e Twitter.
    *
    Sarò sincero, ho poca speranza che certi supermercati decidano per una scelta Etica, (http://paoblog.net/2014/03/12/cons-supermercati/ ), ma tentar non nuoce come ci ha insegnato la 17enne americana che l’ha avuta vinta su Coca Cola e Pepsi.(http://www.ilfattoalimentare.it/coca-cola-pepsico-additivo-bibite.html)

  2. Avatar

    I posti denominati “in avancassa” per la vendita di prodotti d’impulso sono fondamentali perchè hanno rotazioni elevate. Le catene di grande distribuzione pertanto chiedono Listing elevatissimi per vendere in quelle posizioni, quindi non è una scelta solo delle aziende ma bilaterale, anzi direi che la chiave è proprio la GDO che difficilmente rinuncierà al Listing, ammesso che si voglia scoperchiare il vaso di pandora sulla pratica di quest’ultimo.

  3. Avatar

    Il tema non dipende soltanto dalle aziende ma anche dalla GDO che per quei posti molto importanti per i prodotti d’impulso incassano alti listing. Se volessero le catene potrebbero aderire in un batter d’occhio. Ma si solleverebbe il problema ricavi di listing e margini.

  4. Avatar
    MARIA PIA GUIDOTTI

    Non solo li toglierei dalle vicinanze delle casse dei supermercati ma anche dal commercio!

  5. Avatar
    Piergiorgio Mazzoli

    Se si riuscirà a toglierli, chi comprerà più gli ovetti Kinder Ferrero e i Mon Chéri?

    • Avatar
      filippo smriglio

      li comprerà chi li desidera, andando alla scaffalatura situata lontana dalle casse (come per gli altri prodotti),

  6. Avatar
    Fabrizio Marini

    Aiutiamoci a spendere bene i nostri soldi.

    • Avatar

      Se non ci si aiuta noi allora è inutile.
      Rifiuto il concetto di un paese che decida al posto mio cosa è bene o no che io compri.

  7. Avatar

    Petizione firmata. Con voi per questa piccola/grande battaglia.

  8. Avatar

    Quindi togliamo anche i gratta e vinci magari?

  9. Avatar

    Concordo!
    via i gratta e vinci, via le schede telefoniche, via i buoni acquisto delle grandi catene di grandi magazzini, via però anche le inquinantissime pile.
    Aggiungerei che dovrebbero essere tolti anche stuzzicadenti, macchinine ed altri giocattoli che parimenti sfruttano i bambini.
    Con lo stesso criterio però direi che anche da tutti i bar, dalle stazioni di servizio e da tutte le casse di qualsivoglia tipo di esercizio commerciale dovrebbero essere rimossi, perchè altrimenti questa sarebbe concorrenza sleale. Via anche i banchetti refrigerati di fronte a certe avancasse che propongono gelati o miniconfezioni di altri prodotti, via i fiori, le promozioni delle catene che propongono i piatti, i pupazzi etc.
    Via gadget, pupazzetti, figurine ed altre simili porcherie da tutte le edicole del pianeta perchè sono solo fonte di inquinamento, consumo delle risorse limitate della nostra esausta terra.
    Però se etici si deve essere allora siamolo fino in fondo quindi pensiamoci bene e come suggerisce qualcuno proibiamno direttamente la vendita planetaria di tutti, ma dico tutti questi prodotti.
    Ma resta sempre il problema della pubblicità, anche questa dovrebbe essere proibita.
    Ho dimenticato qualcosa?
    Ah…. forse un pò di buonsenso.

  10. Avatar

    Mah… a me sembra esagerato… allora togliamo dal commercio tutto ciò il cui abuso porta potenzialmente a patologie: prodotti grassi, alcolici, perfino tè e caffè…
    Dai su… Credo che in questi casi serva formazione ed educazione non repressione.

  11. Avatar

    D’accordissimo con fabio e UnoDegliAltri.
    Se non sei capace di dire “no” a tuo figlio, fatti delle domande.
    Il proibizionismo non è mai servito a niente.
    @ fabio.
    hai dimenticato: via i videogiochi dai cellulari e dai tablet, pieni di pubblicità. Anzi… via cellulari e tablet.
    Via i regalini nelle confezioni di merendine e patatine e simili.
    Via le patatine con sacchetti pieni di riferimenti a cartoni animati (da Peppa Pig ai Gormiti),
    via le bibite zuccherate,
    via le varie tipologie di crocchette di pollo surgelate a forma di dinosauro animaletto farfallina bambolina,
    via la Cocacola in minilattina da 15 cl e via la cocacola
    via i cioccolatini con la sorpresina, anzi: via i cioccolatini.

    Via i genitori che viziano i figli!

  12. Avatar

    Ho firmato la petizione, ma credo che la strada maestra sia l’educazione alimentare dei bambini (dei bambini, perché nella maggior parte dei casi i genitori sono ormai irrecuperabili).