Home / Allerta / Contaminazione microbiologica di pesto dall’Italia e glutine non dichiarato in yogurt… Ritirati dal mercato europeo 83 prodotti

Contaminazione microbiologica di pesto dall’Italia e glutine non dichiarato in yogurt… Ritirati dal mercato europeo 83 prodotti

Nella settimana n°39 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 83 (16 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende due casi: presenza di acido okadaico e tossine (DSP – Diarrhetic Shellfish Poisoning) in cozze vive (Mytilus galloprovincialis) provenienti dall’Italia; possibile contaminazione microbiologica di pesto a marchio La Finestra sul Cielo, prodotto da Cereal Terra Srl, in vasetto di vetro dall’Italia (per i dettagli qui); glutine non dichiarato in yogurt dell’azienda Fattoria Scaldasole dall’Italia (per i dettagli qui); mercurio in pesce spada affettato congelato (Xiphias gladius) dal Portogallo.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: fipronil in sei lotti di uova dall’Italia; additivo non autorizzato (E 452 – polifosfati) in capesante marine congelate dagli Stati Uniti; Salmonella in carne di maiale surgelata dalla Spagna.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala residui di pesticidi e sostanze non autorizzate (,acetamiprid, carbendazim e triazofos) in riso basmati parboiled dal Pakistan; migrazione di nichel da pinze da cucina in acciaio dalla Cina; aflatossine (B1) in nocciole sgusciate dall’Azerbaigian; aflatossine (B1) in nocciole sgusciate dalla Turchia.

Pesto vegano
Possibile contaminazione microbiologica di pesto vegano a marchio La Finestra sul Cielo

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, il Regno Unito segnala un’allerta per la presenza di frammenti di plastica in barrette di cioccolato da 85g con scadenza luglio 2018 della marca Waitrose, in 4 diversi gusti (White Chocolate; White Chocolate with Matcha Tea & Pistachio; Milk Chocolate with Pistachio, Almond & Hazelnut; Milk Chocolate with Feuilletine & Sea Salt).

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Castagne d’India o matte: in Francia pubblicata una guida per prevenire le intossicazioni molto frequenti

Ogni autunno ospedali e centri antiveleni accolgono persone con intossicazioni da castagne d’India, frutti dell’ippocastano …

2 Commenti

  1. Avatar
    manuela pavesi

    Veramente il pesto suddetto della finestra sul cielo è biologico ma NON vegano in quanto contiene formaggio. Bio non vuol dire anche vegano

    • Giulia Crepaldi
      Giulia Crepaldi

      Gentile Manuela, sul suo sito internet La Finestra sul Cielo riporta la lista degli ingredienti del Pesto Vegetale Bio, che contiene “olio extravergine di oliva* (36%), ANACARDI*, basilico* (28%), NOCI*, sale marino, pinoli*”, ma non formaggio.
      *da agricoltura biologica