Home / Lettere / Pesto alla genovese Tigullio Star: rustico e genuino dice la pubblicità, ma i pinoli sono solo l’1%

Pesto alla genovese Tigullio Star: rustico e genuino dice la pubblicità, ma i pinoli sono solo l’1%

Gentile redazione, vi scrivo per segnalarvi un comportamento dell’azienda produttrice del Gran Pesto alla Genovese Tigullio Star che ho trovato discutibile, anche se forse formalmente corretto. Avendo visto la pubblicità del Gran Pesto sono andata al supermercato e ho comprato un vasetto, attirata all’immagine di un prodotto presentato come rustico e genuino. Una convinzione rafforzata da un’etichetta che mostrava a lcuni degli ingredienti tipici del pesto, come il basilico il grana e i pinoli. Immaginate il mio disappunto quando verificando gli ingredienti in etichetta mi sono resa conto che il prodotto contiene pinoli in una percentuale davvero minima (1%), mentre i semi oleosi presenti in maggior percentuale sono gli anacardi. Inoltre  tra gli ingredienti compaiono patate che non fanno certo parte della classica ricetta genovese. Mi chiedo se sia legittimo indurre i consumatori a pensare che il prodotto sia a base di basilico, formaggio e pinoli quando in realtà è presente una dose non marginale di ingredienti meno pregiati. Resto in attesa di un vostro parere.

Paola C.

La nostra lettrice ha qualche buona ragione per lamentarsi. È vero che sull’etichetta sono indicati in modo chiaro tutti gli ingredienti del pesto – Olio di semi di girasole (32%), basilico (30,4%), patate, sciroppo di glucosio, anacardi, formaggio grana padano DOP (5%) (con proteine dell’uovo), formaggio pecorino romano DOP (4,5%), sale, olio extravergine di oliva (2%), pinoli (1%), aromi naturali, correttore di acidità: acido lattico, aglio –  ma è altrettanto vero che la quantità dei pinoli è sicuramente risicata. Aspettiamo ancora fiduciosi una riposta dall’azienda che abbiamo sollecitato due volte.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina)

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

uovo di pasqua cioccolato cacao

Sull’uovo di Pasqua è proprio necessario scrivere l’origine del cacao? Rispondono l’azienda e Dario Dongo

Un lettore ci scrive per sapere se “il fatto di segnalare sull’etichetta delle Uova di …

7 Commenti

  1. C’è da dire che non si spiega la scelta degli anacardi che, ad ogni modo, non è che sia la frutta Secca più economica anzi, l’opposto.. Forse sono più cari dei pinoli..

    • Paola Emilia Cicerone

      Non proprio, su Amazon un chilo di anacardi costa meno di 15 euro, un chilo di pinoli può superare i 100 euro…

    • Anacardi più cari dei pinoli??? Stai scherzando, vero???

  2. Sì, d’accordo, tutto vero e i pinoli sono pochi, però… qualcuno che ha “[…] comprato un vasetto, attirata all’immagine di un prodotto presentato come rustico e genuino. Una convinzione rafforzata da un’etichetta che mostrava alcuni degli ingredienti tipici del pesto, come il basilico il grana e i pinoli.” direi che insomma, se non se l’è andata a cercare, certo non ha fatto un granché per evitarla.

    Ma leggere l’etichetta prima di mettere nel carrello proprio no, eh?

    • Leggere l’etichetta????? Quindi stai dalla parte di quelle aziende che scrivono in grande sull’etichetta per esempio “con olio extravergine di oliva” e poi scopri che ce n’è una quantità infinitesimale e il resto è olio di semi vari????

    • No: sto dalla parte della lista degli ingredienti dove l’olio di semi vari viene molto prima dell’olio extravergine di olive.

      “Leggere l’etichetta” si intendeva come “Leggere la composizione”, non “guardare le belle figurine sul fronte della confezione”

    • @Laura, tu invece stai dalla parte di quelli che invece di leggere l’etichetta comprano per l’immagine che c’è sulla confezione?!?

      Tante volte sono stato attratto dall’immagine dell’etichetta, poi ho preso in mano la confezione, letto gli ingrediente e deciso se procedere all’acquisto oppure no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *