;
Home / Allerta / Pesticida in avocado biologico dal Marocco e Salmonella in pollame dalla Polonia… Ritirati dal mercato europeo 188 prodotti

Pesticida in avocado biologico dal Marocco e Salmonella in pollame dalla Polonia… Ritirati dal mercato europeo 188 prodotti

Pesticida in avocado biologicoNelle settimane n°23 e 24 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 188 (10 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti nel nostro Paese oggetto di allerta comprende sette casi: Focolaio di origine alimentare (sindrome anossica) probabilmente causato da tranci di tonno pinne gialle (Thunnus albacares) scongelati, con aggiunta di acqua, per la presenza di E 250 – nitrito di sodio (non autorizzato), dall’Italia, con materia prima dalla Spagna (vedi dettagli); residui di pesticida (Clorpirifos) in avocado biologico dal Marocco; mercurio in lombi di pesce spada affumicato, dalla Spagna; Mercurio in filetto di Marlin affumicato (lotto 210511; produttore Haumados Sabal; SL- ES 12.06407/V CE), dalla Spagna; residui di pesticida (Metomil) in Carambole dal Brasile; presenza di ossido di etilene in miscela di spezie per barbecue Tandoori Masala, dal Regno Unito; presenza di Salmonella (ser. Infantis) in carcasse ed elementi di carne di pollame dalla Polonia.

Salmonella in carcasse ed elementi di carne di pollame dalla Polonia

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi nel nostro Paese che non implicano un intervento urgente troviamo: residui di pesticida (Clorprofam) in arance Valencia fresche (Citrus Sinensis) dall’Egitto; Presenza di mercurio superiore ai limiti previsti dalla normativa in tonnetto (euthynnus alletteratus) commercializzato sfuso, dall’Italia; presenza di istamina in sgombro dalla Francia.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: Salmonella (Livingstone) in farina di carne destinata a pet food; Salmonella (ser. Infantis) in carne di pollame congelata destinata al consumatore finale, dalla Polonia; larve di Anisakis in sgombro fresco (Scomber scombrus) dalla Spagna; infestazione parassitaria da Anisakis in sgombro refrigerato (Scomber scombrus) dai Paesi Bassi; Escherichia coli in carne di agnello della Nuova Zelanda

Queste settimane tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato la Croazia segnala residui di pesticida (Oxamil) in cetrioli freschi; il Belgio segnala la presenza di contaminanti industriali (MOSH e MOAH) in pasta di nocciole dall’Italia e dalla Turchia; la Francia segnala la presenza di un corpo estraneo in Bresaola della Valtellina IGP.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

tonno pesca peschereccio

Contaminanti industriali in alloro bio e istamina in tonno pinna gialla… Ritirati dal mercato europeo 105 prodotti

Nella settimana n°27 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

Un commento

  1. Avatar

    Fa sempre piacere leggere questi bollettini di guerra.

    Questo è quello che è stato trovato nei controlli random, il resto sta nel piatto.