Home / Etichette & Prodotti / Pesche sciroppate Valfrutta o Auchan? La materia prima è la stessa e sono entrambe prodotte da Conserve Italia

Pesche sciroppate Valfrutta o Auchan? La materia prima è la stessa e sono entrambe prodotte da Conserve Italia

peaches tinned
Le pesche sciroppate Valfrutta e Auchan sono prodotte entrambe da Conserve Italia

Quando si acquista la frutta sciroppata, spesso il consumatore sceglie quella a marca del supermercato, che infatti copre oltre il 50% delle vendite. Conserve Italia, che è la prima azienda di trasformazione di frutta in Italia (120.000 tonnellate ogni anno), sia per i succhi di frutta sia per la frutta allo sciroppo, produce per diverse insegne tra cui Auchan.

La frutta viene fornita dalle cooperative socie che la selezionano per l’uso industriale specifico: pesche gialle, nettarine, albicocche, mele, pere Williams, pesche percoche, prugne, provenienti dalle aree frutticole più idonee e coltivate secondo gli standard richiesti da Conserve Italia.

 

pesche sciroppate dolce iStock_000024109790_Small
La materia prima utilizzata è la stessa: pesche percoche provenienti dalla Romagna, oltre alla zona di Ferrara

Il Fatto Alimentare sugli scaffali di un ipermercato Auchan di Milano ha rilevato e messo a confronto le pesche sciroppate Valfrutta in latta da 411g con la stessa confezione di pesche a marchio Auchan, prodotte entrambe da Conserve Italia. La materia prima utilizzata è la stessa: pesche percoche (l’area di provenienza è la Romagna, oltre alla zona di Ferrara), così come lo stabilimento di produzione a Codigoro (FE).

Le pesche sciroppate provengono da varietà valutate e sperimentate da Conserve Italia e dalle sue cooperative e sono coltivate in impianti specializzati per ottenere la classica pesca gialla “Percoca” da sciroppo.

 

Come ci confermano in azienda è questa la materia prima che impiegata sia per il marchio Valfrutta (che ha anche il vaso di vetro da 570g) sia per la marca commerciale. Il contenuto della latta è dunque lo stesso e non esistono sostanziali differenze tra un prodotto e l’altro (vedi tabella sotto), essendo anche il processo di lavorazione abbastanza semplice e praticamente uguale. Ciò che cambia in modo significativo è il prezzo: la confezione Valfrutta costa infatti 1,49 euro rispetto a 0,89 euro delle pesche sciroppate Auchan.

 

Claudio Troiani

pesche sciroppate valfrutta auchan

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Olio extravergine: i supermercati devono smettere di venderlo come prodotto civetta. Nuovo appello di Clodoveo

La vendita sottocosto dell’olio extravergine di oliva da parte delle catene di supermercati danneggia agricoltori …

Un commento

  1. Avatar

    Articolo ben fatto, giusto, ma quindi? Vogliamo finalmente parlare chiaro di MARGINI della GDO applicati alle marche? Vogliamo Parlare di MARGINI applicati alle PL? Vogliamo confrontarli con i prodotti Discount e i loro MARGINI? Vogliamo capire come mai un deodorante Nivea costa 1,10€ a Berlino e 3,05€ a Milano?
    Un articolo così lasciato a se come altri di questo tipo non ha senso altriemnti…. Se una catena della GDO arriva ad avere più margini di un produttore vuol dire che c’è qualcosa che non va nella filiera…. parlate anche di LISTING E DERIVA CONTRATTUALE.
    Grazie