Home / Recensioni & Eventi / Per evitare sprechi si può “andare oltre” la data di scadenza? L’esercizio è possibile…..ma solo per gli esperti

Per evitare sprechi si può “andare oltre” la data di scadenza? L’esercizio è possibile…..ma solo per gli esperti

data di scadenzaSulla base di dati esagerati e privi di un supporto statistico, molti giornali invitano i consumatori a sprecare di meno. Si ripete che ogni famiglia durante le feste getta nella spazzatura l’equivalente di 60-70 euro di cibo, e che gli sprechi sono un’abitudine difficile da sostenere in un periodo di crisi. Per  questo motivo si invita ad evitare gli avanzi e ad osservare con attenzione la data di scadenza, proponendo improbabili estensioni o restrizioni. Il discorso è delicato perchè la scadenza, tranne per il latte e le uova fresche dove esistono precisi limiti di legge, viene stabilita dai produttori in base al tipo di materia prima, al trattamento di conservazione,  alle condizioni climatiche e ad  altri elementi.

In questa rincorsa ai consigli anti-spreco ci sono anche delle sviste grossolane, come quella del quotidiano La Stampa di qualche mese che indica la scadenza del latte fresco dopo 5 giorni (errore  ripetuto anche il 9 gennaio sul Corriere della sera).  In realtà il latte fresco tenuto in frigorifero a +4°C, scade 7 giorni dopo il confezionamento (6 giorni+1) come indicato sull’etichetta.  Una volta aperta la bottiglia va consumato entro 3-4 giorni e in ogni caso prima della scadenza. Gli addetti ai lavori lo bevono anche 1-2 giorni dopo la scadenza, ma questo si può fare  quando le temperature di conservazione sono rispettate lungo tutta la filiera. Se invece la conservazione è scorretta  allora il latte si può alterare prima dei 7 giorni e lo si avverte dal sapore acidulo.

Un altro esempio interessante riguarda la ricotta. La durata fissata dai produttori oscilla da 3 a 4 settimane, ma a volte,  quando si consuma il prodotto prima di questo intervallo,  si avverte un sapore acidulo perché il vasetto è rimasto in frigoriferi a temperature elevate. La stessa cosa capita per i formaggi molli freschi come: stracchino, crescenza, robiola….. Questi latticini si conservano per 6-7 giorni se nel frigorifero la temperatura è compresa tra  0°C a 3°C, ma l’intervallo dimezza se il termometro sale a 3 – 5°C .

Un altro esempio interessante riguarda il pesce fresco. Il sito Eurofishmarket.it in risposta ad alcuni articoli che accusavano il pesce “vecchio” di 3 giorni di causare intossicazioni alimentari,  spiega perché queste affermazioni creano solo allarmismo.

La legge non  obbliga i produttori ad indicare sull’etichetta la data di cattura e per valutare la freschezza del prodotto bisogna verificare l’indice di freschezza in base alle caratteristiche tipiche della specie (vivacità dell’occhio e della branchia, rigidità cadaverica, presenza/assenza di muco, elasticità delle carni,  odori anomali, facilità di sfilettamento ed eliminazione delle spine che più semplice nei prodotti con più giorni).

Ma questo è solo un primo elemento, poi bisogna acquisire altre informazioni  sul metodo di cattura e di conservazione perché i pesci comprendono un’infinità di specie e non è  possibile fissare una “data di scadenza” orientativa a priori. Gli altri fattori da considerare sono:

1)  la specie (la triglia mediterranea è molto delicata e dopo tre giorni  presenta un decadimento evidente dei  valori sensoriali, mentre una branzino si conserva benissimo  ben oltre i 3 giorni);
2) il metodo di pesca (un merluzzo o un pesce spada pescato all’amo non subiscono traumi durante la cattura e si conservano più a lungo rispetto ad un merluzzo o ad uno spada catturati con le reti).
3)  la gestione del prodotto prima della vendita (il tipo di confezionamento in cassetta  e  il sistema di mantenimento della catena del freddo incidono molto sulla scadenza).

In ogni caso se il pescato viene mantenuto ad una corretta temperatura di refrigerazione, dopo 3 giorni non  causa intossicazioni ne tanto meno avvelenamento … piuttosto  il gusto  sarà penalizzato e il valore nutritivo risulta minore. Il discorso invece cambia se il pesce è gestito in modo scorretto da un punto di vista igienico e  non si rispetta la catena del freddo.

Non ci sono invece problemi per i cibi confezionati che si mantengono 1-2 anni. Se la conservazione è stata fatta correttamente e l’igiene è stata rispettata il consumo di  alimenti scaduti da due tre mesi non comporta alcun rischio sanitario.

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

ragazzo libri mela

Food Engineering: la nuova laurea magistrale attivata dal Politecnico di Milano

Con l’anno accademico 2019/2020 prende il via il corso di laurea magistrale in Food Engineering …