Home / Lettere / Le patatine fritte “fatte a mano” sono un’illusione del marketing e della pubblicità. Bisogna cambiare etichetta

Le patatine fritte “fatte a mano” sono un’illusione del marketing e della pubblicità. Bisogna cambiare etichetta

patatine le contadineIl dubbio sulla regolarità delle etichette delle patatine fritte Le Contadine sedicenti “fatte a mano” non sussiste, sono ingannevoli e non serve aspettare il parere dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato.

 

Il Ministero delle attività produttive nella circolare del 10 novembre 2003, n. 168 (Etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari) scrive:

“(…) L’uso di diciture quali «lavorato a mano» e simili è ingannevole quando soltanto alcune fasi secondarie e collaterali della produzione sono effettuate a mano.

Nel comparto delle paste alimentari, ad esempio, le diciture «lavorato a mano» e simili potranno essere apposte unicamente qualora le fasi di impasto, trafilatura, taglio ed essiccazione della pasta siano state effettuate in tutto o per la maggior parte a mano e non anche quando la manualità abbia riguardato unicamente fasi secondarie come lo svuotamento dei sacchi di semola, il riempimento delle tramogge, il dosaggio degli ingredienti o il confezionamento“.

 

Roberto Pinton

© Riproduzione riservata

Foto: Amicachips.it, Icafoods.it

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

White bowl with pepper mix. Various pepper served in white bowl on wooden background.

La piperina del pepe è davvero benefica per l’organismo? Risponde il professor Antonello Paparella

Salve redazione de Il Fatto Alimentare, ho una domanda da porvi: da un po’ di …

Un commento

  1. Sig.La Pira dove finisce il limite a cui ci si puo’ spingere per superare la soglia della persona INGANNEVOLE e dove inizia quella del TRUFFATORE?
    BASTA FURBERIE CI VOGLIONO LEGGI