Home / Supermercato / Aperto a Parigi “Negozio Leggero”, filiale della catena italiana di soli prodotti sfusi. 1.500 prodotti senza packaging e con il vuoto a rendere

Aperto a Parigi “Negozio Leggero”, filiale della catena italiana di soli prodotti sfusi. 1.500 prodotti senza packaging e con il vuoto a rendere

NegozioLeggero interno parigiCon il motto “la spesa è più leggera senza imballaggi”, ha aperto a Parigi la prima filiale in Francia di Negozio Leggero, la catena italiana di supermarket con solo prodotti alimentari, per la persona e per la casa esclusivamente in modalità sfusa, eliminando il packaging e re-introducendo su alcuni il sistema di vuoto a rendere. L’obiettivo di Negozio Leggero è di proporre un modo diverso di fare la spesa, permettendo di acquistare solo ciò di cui si ha effettivamente bisogno.

La catena, nata a Torino nel 2009 su iniziativa dell’ente di ricerca ambientale Ecologos e gestita dalla società Rinova, offre oltre 1.500 prodotti e ha sedici punti vendita, di cui quattro a Torino, uno a Moncalieri (To), Asti e Bra (Cn), due a Roma e uno a Palermo, Milano, Bergamo, Morbegno e Bormio in provincia di Sondrio. All’estero ce n’è uno a Lugano, in Svizzera, e ora quello parigino, in zona Republique, gestito in franchising da due soci locali, Pauline e Dany, che sono stati formati dal gruppo italiano.

I due gestori parigini sono stati affiancati in tutte le fasi del progetto e sono stati formati sugli impatti ambientali delle diverse filiere produttive dei prodotti in vendita. “In ogni Negozio Leggero – spiega Cinzia Vaccaneo, presidente di Ecologos e Rinova – è fondamentale che si diffonda cultura ambientale e sociale. Chi lavora dietro al bancone è un moderno ricercatore, una persona che crede nel proprio lavoro e ha una missione: far conoscere le tematiche ambientali, sapere consigliare il cittadino nella scelta dei prodotti e far acquisire consapevolezza su ciò che acquistiamo e consumiamo”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Torino: come risparmiare 1.100 euro al supermercato. Nella classifica di Altroconsumo il più conveniente è Mercatò

Se a Milano la convenienza è soprattutto a firma Esselunga, a Torino, sempre secondo l’annuale …