Home / Richiami e ritiri / Holle baby food: tutte le risposte dell’azienda sul ritiro delle pappe per bambini al miglio e al riso contaminate da alcaloidi

Holle baby food: tutte le risposte dell’azienda sul ritiro delle pappe per bambini al miglio e al riso contaminate da alcaloidi

Mother Feeding Baby Boy In High Chair
Alcune pappe per bambini della ditta Holle sono state ritirate dal mercato per il ritrovamento di alcaloidi

Alcune pappe per bambini della ditta Holle (società svizzera specializzata nella produzione di omogeneizzati e cibo per i più piccoli), sono state ritirate dal mercato tedesco e subito dopo anche in Svizzera e in Italia a causa del ritrovamento di alcaloidi in due campioni (leggi articolo). In allegato riportiamo l’elenco dei punti vendita in cui si è effettuato il ritiro dei lotti interessati (scarica lista dei punti vendita).Riportiamo di seguito il comunicato dell’azienda in cui viene approfondito il motivo del richiamo e sono fornite risposte alle domande più frequenti.

 

In un campione di Bio Pappa di miglio di Holle e in un campione di Bio Pappa di miglio con riso di Holle un laboratorio di uno stato (regione) tedesco ha riscontrato tracce di alcaloidi tropanici naturali.

Per andare sul sicuro ed escludere qualsiasi rischio per bambini molto piccoli e per evitare che le contese tra laboratori in merito ai risultati e alle loro valutazioni possano arrecare danno al nostro buon nome, Holle baby food ritira volontariamente dal commercio a fini preventivi due partite dell’articolo Bio Pappa di miglio.

Il richiamo volontario riguarda le seguenti partite degli articoli Bio Pappa di miglio e Bio Pappa di miglio con riso:

Bio Pappa di miglio Holle, partita L13219, da consumarsi preferibilmente entro il 30.04.2015

Bio Pappa di miglio con riso Holle, partita L14103, da consumarsi preferibilmente entro il 30.11.2015

La merce viene bloccata in magazzino e non più consegnata. I nostri partner del commercio al dettaglio hanno l’istruzione di ritirare subito la merce dagli scaffali. I clienti che hanno acquistato pappe di miglio Holle e che le hanno a casa, possono riportare i prodotti al punto vendita dove riceveranno il relativo rimborso.

 

pappe per bambini iStock_000015839143_Small
Gli alcaloidi tropanici sono sostanze naturali provenienti dai semi delle erbacce presenti nelle coltivazioni di miglio

Informazioni generali

Fino ad ora non esiste alcuno strumento di misurazione univoco, messo a disposizione da un organo ufficiale per comprovare la presenza di alcaloidi tropanici. Un laboratorio di un Land tedesco, sulla base di un metodo di analisi sviluppato internamente, ha riscontrato tracce di alcaloidi tropanici nei prodotti al miglio di Holle.

Gli alcaloidi tropanici sono sostanze naturali provenienti dai semi delle erbacce presenti nelle coltivazioni di miglio. Vengono accuratamente evitati dagli agricoltori. Un anno fa, le autorità nazionali ed europee (European Food Safety Authority/EFSA e Bundesinstitut für Risikobewertung (Istituto federale per la valutazione dei rischi/BfR) hanno definito le tracce di questi semi, come ad esempio nel giusquiamo, come indesiderabili negli alimenti. Hanno valutato il rischio delle tracce di queste sostanze presenti da sempre negli alimenti. Successivamente laboratori ufficiali hanno selezionato questi alcaloidi come obiettivo per lo sviluppo di metodi propri. Non esiste ancora uno standard valido. Le tracce così riscontrate sono ora oggetto di avvertimenti e richiami.

Il Bundesinstitut für Risikobewertung (Istituto federale per la valutazione dei rischi/BfR) fa presente in una dichiarazione del novembre 2013 di non conoscere fino a quel momento nessun caso di lattanti, bambini piccoli e persone di altre età in cui si fossero manifestati problemi di salute in seguito al consumo di prodotti che contenevano tracce di alcaloidi tropanici.

 

holle baby food
I prodotti ritirati sono: Bio Pappa di miglio L13219, e Bio Pappa di miglio con riso

Domande frequenti e le relative risposte: 

Di cosa si tratta?

Nell’ambito di un controllo delle autorità vengono riscontrate tracce delle sostanze vegetali “alcaloidi tropanici”. Purtroppo sia la valutazione del livello di rischio sia l’analisi degli alcaloidi tropanici non sono ben definite. Holle ha pertanto deciso di ritirare preventivamente due lotti della pappa di miglio. Vogliamo evitare che bambini molto piccoli possano correre qualsiasi rischio.

 

Quale metodo di analisi è stato utilizzato?

Non esistono ancora procedure di analisi valide per riscontrare la presenza di alcaloidi tropanici e neanche materiali di riferimento. I risultati della valutazione del nostro laboratorio certificato e indipendente da noi incaricato indicano una contaminazione estremamente bassa o nessuna contaminazione. Anche i risultati delle analisi condotte su altri prodotti Holle non mostrano la presenza di alcaloidi tropanici.

 

Cosa sono gli alcaloidi tropanici?

I più importanti alcaloidi tropanici sono l’atropina e la scopolamina. Provengono dalla famiglia delle solanacee, di cui fanno parte anche piante come la datura, la belladonna e la brugmansia. Queste sostanze si formano nella pianta per difenderla da insetti che ne mangiano le foglie.

 

Holle_Pappa_Di_Miglio_Integrale_7640104952732
Bio Pappa di miglio Holle, partita L13219, da consumarsi preferibilmente entro il 30.04.2015

 

Non sono conosciuti danni causati in seguito al consumo di alimenti.

Purtroppo sia la valutazione del livello di rischio sia l’analisi degli alcaloidi tropanici non sono ben definite. Il Bundesinstitut für Risikobewertung (Istituto federale per la valutazione dei rischi/BfR) ha pubblicato nel novembre 2013 una dichiarazione sull’argomento alcaloidi tropanici. Qui si afferma che fino a quel momento non erano noti casi acuti o cronici di un problema di salute che si fosse manifestato in consumatori di ogni età in seguito alla presenza di alcaloidi tropanici negli alimenti.

 

Quali quantità sono state trovate?

Le quantità riscontrate di alcaloidi tropanici sono molto basse. Parliamo qui di quantità espresse in microgrammi o nanogrammi (un microgrammo è un milionesimo di grammo). Gli alcaloidi tropanici vengono impiegati anche per finalità mediche. La letteratura specializzata presuppone che una quantità di 40 microgrammi di atropina viene impiegata nei bambini a scopo terapeutico. Nei prodotti Holle il laboratorio del Land tedesco ha riscontrato una quantità almeno 40 volte più piccola.

 

bambino pappa iStock_000020768520_Small
Purtroppo sia la valutazione del livello di rischio sia l’analisi degli alcaloidi tropanici non sono ben definite

Come arrivano gli alcaloidi tropanici negli alimenti?

Gli alcaloidi tropanici vengono raccolti insieme a semi estranei. Dopo la raccolta le più moderne tecniche di filtraggio consentono di eliminare questi semi. Purtroppo il gruppo delle piante che producono alcaloidi tropanici è così numeroso da causare una somiglianza nell’aspetto esterno tra i semi estranei e le proprie sementi. I semi estranei non vengono così eliminati. I semi estranei derivanti da piante che producono alcaloidi tropanici esistono sin da quando l’umanità ha cominciato a dedicarsi ai lavori agricoli. Ora le tecniche di filtraggio sono molto migliorate. Anche i metodi di analisi d’altronde sono molto più accurati cosicché è possibile riscontrare quantità minime di alcaloidi tropanici.

 

Cosa ha intenzione di intraprendere l’azienda Holle in futuro per ridurre ancora la concentrazione di alcaloidi tropanici?

L’azienda Holle esegue insieme ai partner produttivi un monitoraggio su larga scala degli alcaloidi tropanici. Queste misure sono già state introdotte da alcuni mesi. Inoltre, abbiamo sviluppato ulteriori misure per l’eliminazione tecnica-fisica dei semi delle piante che producono gli alcaloidi tropanici.

 

Holle baby food esprime il suo rincrescimento e si scusa per i disagi arrecati.

Per ulteriori informazioni è a vostra completa disposizione il team dell’assistenza di Holle baby food service@holle.ch

 

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione online su Change.org per fermare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari.

Dal prossimo 13 dicembre milioni di consumatori italiani ed europei scopriranno la presenza di un nuovo ingrediente in migliaia di prodotti alimentari. Stiamo parlando dell’olio di palma, una sostanza fino a oggi camuffata dietro la scritta “olii e grassi vegetali”. Per rendersi conto di quanto l’olio di palma sia diffuso basta dire che è il grasso principale di quasi tutte le merendine, i biscotti, gli snack dolci e salati, le creme… in vendita nei supermercati. L’ampio utilizzo di questa materia prima è dovuto sia al costo estremamente basso, sia al fatto di avere caratteristiche simili al burro. Il Fatto Alimentare dice “no” all’olio di palma per motivi etici, ambientali e di salute e invita le aziende a sostituirlo con altri oli vegetali non idrogenati o burro.

Per sottoscrivere clicca qui.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

purea di frutta babylove aflatossine

Tracce di aflatossine: richiamata purea di frutta per bambini Babylove di dm Drogerie Markt. Quattro prodotti coinvolti

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di diversi prodotti per bambini a base …