;
Home / Etichette & Prodotti / Pandoro, il test di Altroconsumo del 2021 premia Tre Marie, Esselunga e Maina

Pandoro, il test di Altroconsumo del 2021 premia Tre Marie, Esselunga e Maina

pandoroAnche quest’anno la classifica dei migliori dolci natalizi di Altroconsumo si sdoppia: oltre al consueto appuntamento con i panettoni, torna il test sui pandori. Questa volta l’associazione ha messo sotto la lente di ingrandimento 10 prodotti (due in più dello scorso anno) acquistati nella grande distribuzione, online o in pasticceria, considerando aspetti che vanno dalla completezza delle informazioni in etichetta alla qualità degli ingredienti. Per decretare il miglior pandoro, il test come al solito ha previsto anche una prova di assaggio da parte di consumatori e di esperti.

Il disciplinare di produzione descrive il pandoro come un prodotto dolciario dalla forma a tronco di cono con sezione a stella, a pasta morbida, soffice e senza crosta, con un caratteristico aroma di burro e vaniglia. La superficie esterna deve avere una colorazione uniforme, ma non troppo scura, o addirittura bruciata, e al taglio deve apparire asciutto e con un’alveolatura minuta e uniforme.

Quest’anno il podio dei migliori pandori del 2021 è interamente occupato da prodotti di qualità ottima. In prima posizione si piazza il Magnifico Pandoro Tre Marie (11,73 €), con il titolo di ‘Migliore del test’, giudicato ottimo nei test di laboratorio e alla prova di assaggio dei consumatori, un po’ meno all’esame dell’etichetta e degli esperti. Secondo posto e titolo di ‘Miglior acquisto’ va al pandoro ricetta classica Esselunga Le Grazie (3,79 €), ad appena un punto di distacco dal primo classificato: anche se ha un’etichetta più completa, viene un po’ penalizzato dalle analisi sul burro e dall’assaggio degli esperti. Chiude il podio il pandoro Maina (6,16 €), che alla prova dei consumatori se la cava un po’ peggio rispetto ai primi due classificati. Tra gli altri sette pandori nessun bocciato: quattro ottengono un giudizio di qualità buona e tre di qualità media.

I tre prodotti sul podio offrono uno spaccato esemplare della variabilità dei prezzi di questi prodotti. Tra quelli presi in considerazione da Altroconsumo, i prezzi oscillano tra meno di 4 € a confezione per i dolci a marchio Balocco ed Esselunga, agli oltre 21 del pandoro da 850 grammi a marchio Perbellini, acquistabile in pasticceria, online e nei negozi specializzati. Come per i panettoni, però, bisogna ricordare che offerte e promozioni, sempre numerose nel periodo delle feste, fanno oscillare vorticosamente i prezzi da una catena all’altra.

Nel dettaglio, i parametri valutati da Altroconsumo sono: 1) etichetta; 2) analisi di laboratorio (peso, tuorlo d’uovo, burro, presenza di lieviti e muffe, conservazione); 3) assaggio dei consumatori (aspetto, odore, consistenza, piacevolezza, aroma); 4) assaggio degli esperti (gusto e aroma, aspetto esterno, aspetto interno, presentazione). Di seguito la tabella con i tre dolci natalizi in cima alla classifica.

pandori test altroconsumo 2021

Per vedere la classifica completa di Altroconsumo clicca qui (accessibile con registrazione al sito).

P.S. Quasi tutte le catene di supermercati propongono una o due versioni del pandoro: una ‘base’ con un’ astuccio di cartone e una ‘premium’ venduta in confezione più elegante e costosa. In genere i dolci natalizi con il marchio del supermercato sono realizzati da grandi aziende dolciarie. Maina produce i pandori per Coop, Conad, Esselunga e Crai, mentre Carrefour si affida a Paluani, Lidl a Bauli, Aldi sceglie Il Vecchio Forno e Penny Market Dal Colle. Per leggere il nostro articolo su questo argomento clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

loupe nutri-score - nutriscore - indice A

Nutri-Score: intervista a Mathilde Touvier sull’etichetta a semaforo

Mathilde Touvier, a capo del gruppo di ricerca sull’epidemiologia nutrizionale (Eren, Inserm / Inrae, CNAM …