Home / Etichette & Prodotti / Ancora su Tonno Rio Mare: la pagina web di Rio Mare è stata modificata in seguito al nostro articolo, ma l’azienda precisa

Ancora su Tonno Rio Mare: la pagina web di Rio Mare è stata modificata in seguito al nostro articolo, ma l’azienda precisa

Tonno Rio Mare leggero
La specifica sul contenuto del 30% di grassi in meno “rispetto alla media del peso sgocciolato era presente

In riferimento alla nota sul “Tonno Rio Mare Leggero” pubblicato su Il Fatto Alimentare, Bolton Alimentari tiene a precisare quanto segue.

 

La specifica sul contenuto del 30% di grassi in meno “rispetto alla media del peso sgocciolato e alla media del contenuto di grassi delle conserve di tonno più vendute nella categoria Tonno all’olio” era presente, unitamente al consiglio di consumo del prodotto per tutti gli sportivi, già prima dell’articolo pubblicato lo scorso 24 maggio dalla vostra redazione. Tale specifica veniva però riportata in una pagina differente rispetto a quella presa in oggetto da Il Fatto Alimentare, ovvero: http://www.riomare.it/it/benefici/riomare-leggero/

La nota non era invece presente nella pagina dedicata alla referenza all’interno della sezione “Prodotti” e presa in oggetto dalla vostra redazione: http://www.riomare.it/it/prodotti/tonno_leggero

Una mancanza che, abbiamo prontamente colmato inserendo inoltre una tabella di confronto sul contenuto di grassi di Rio Mare Leggero rispetto alla media delle conserve di tonno più vendute della categoria Tonno all’Olio (di oliva ed extravergine di oliva) sul mercato nazionale. Quest’ultimo è un aspetto sul quale l’azienda stava già lavorando, a seguito della sentenza della AGCM pubblicata ad inizio anno (Provvedimento N°24032 – PS8283 Galbusera Meno Grassi) nella quale si invita a rendere disponibile ove ve ne è lo spazio (e quindi sostanzialmente sul sito internet) in forma più estesa i dati di confronto.

Bolton Alimentari S.p.A

 

Ecco la risposta di Franco Gentile

riomare-leggero-grassi
Per chi non disponga dei dati Symphony IRI, invero, non è facile comprendere l’affermazione “meno calorico”

Sono anzitutto cambiate le indicazioni di peso e kcal per lattina di “Tonno Rio Mare Leggero”, atteso che prima si vantava “solo 119kcal per lattina da 70g”, mentre adesso il messaggio è “solo 102kcal per lattina da 60g” (vedi Tabella 1 allegata). Si tratta degli stessi valori in proporzione, ma riferiti a diversa unità di misura.

 

Nel sito sono state aggiunte in un secondo tempo le indicazioni nutrizionali (non erano presenti il 22 maggio; quando avevamo dovuto reperire su Fatsecret.it  i dati ) e la nota “*rispetto alla media del peso sgocciolato e del contenuto in grassi delle conserve di tonno più vendute nella categoria Tonno all’olio (di oliva ed extra vergine di oliva) – Dati di vendita Symphony IRI Group”. Siamo lieti perciò del positivo riscontro di Rio Mare alle nostre osservazioni.

 

Ciò detto – senza neppure dubitare che Rio Mare fondi le proprie affermazioni su dati inequivocabili – riteniamo che sarebbe comunque utile, per trasparenza e corretta informazione nei confronti dei consumatori, aggiungere un riferimento esplicito ai nomi delle “prime 12 referenze del mercato” utilizzate per la comparazione. Tenuto anche conto che i dati di vendita Symphony IRI Group sono informazioni a pagamento, non accessibili.

 

dubbio uomo
I dati di vendita del Tonno Rio Mare sono informazioni non accessibili ai consumatori.

Nel nostro piccolo, non avendo accesso ai suddetti dati, ci siamo limitati a fare una veloce ricerca su internet, di cui si allegano i risultati che mostrano come il valore medio dei grassi nelle confezioni di tonno all’olio d’oliva sgocciolato più comunemente citati sia di 10 / 10,1 g per 100 g.

 

 Chi non dispone dei dati Symphony IRI fatica a comprendere l’affermazione “meno calorico”. Poiché i dati da noi rapidamente attinti sul web – a parte quelli forse non del tutto attendibili del tonno Greci Prontofresco (al quale magari dedicheremo un prossimo articolo) – farebbero invece apparire una differenza di calorie, tra Rio Mare Leggero e gli altri prodotti, che varia tra il 10,53% e 20,19% (vedi Tabella 2 allegata).

È difficile insomma comprendere – senza identificare le “prime 12 referenze del mercato” di cui allo studio Symphony IRI – a quali prodotti ci si sia riferiti per riscontrare la differenza (-30%) che il regolamento CE 1924/06 prescrive quale soglia minima per vantare “meno calorie” o simili diciture.

 

Annotiamo infine che é stata cancellata dall’informazione commerciale la frase “Ideale per chi fa sport”, sulla quale avevamo pure espresso alcuni dubbi.

 

Franco Gentile

© Riproduzione riservata

Foto: Riomare.it, Photos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Different pasta types on the wooden table.

Dalla trafilatura al bronzo alla lievitazione lenta, in etichetta crescono le indicazioni del metodo di produzione. I numeri dell’Osservatorio Immagino

“A lunga lievitazione”, “lavorato a mano”, “trafilato al bronzo”. Le tecniche di produzione fanno capolino …