Home / Pubblicità & Bufale / Ovito, lo Iap censura gli spot in tv: sfruttano la paura dei consumatori. Contestati i messaggi “no fipronil, no aviaria”

Ovito, lo Iap censura gli spot in tv: sfruttano la paura dei consumatori. Contestati i messaggi “no fipronil, no aviaria”

uova ovitoL’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con l’ingiunzione n°12/2018, ha censurato gli spot televisivi delle uova Ovito di Fattorie Novelli Srl Agricola andati in onda sulle reti Mediaset nel gennaio 2018 perché contrari all’articolo 8 del Codice di autodisciplina pubblicitaria, sull’uso di “superstizione, credulità, paura”. Le pubblicità censurate erano accompagnate dal messaggio “No fipronil, no aviaria, filiera garantita, alimentazione vegetale, 100% italiano. Nelle Ovito non ci sono sorprese”, ripetuto sia a voce che attraverso scritte di grandi dimensioni.

Secondo lo Iap, le affermazioni “No fipronil, no aviaria” sfruttano la paura generata dai recenti casi di influenza aviaria e lo scandalo fipronil che ha investito l’Europa, con il fine di spingere i consumatori ad acquistare il prodotto pubblicizzato, come se fosse comune trovare sul mercato uova contaminate. Va ricordato infatti che l’influenza aviaria non si trasmette con il consumo delle uova, mentre l’uso del fipronil è vietato negli allevamenti di animali destinati al consumo umano.

Per queste ragioni, lo Iap ritiene che lo spot “sfrutta la paura dei consumatori, facendo dei vanti contestati un improprio plus differenziale idoneo a ingenerare confusione e allarmismo”.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

pubblicita hamburger

Realtà o finzione? Tutti i segreti dei pubblicitari per rendere il cibo perfetto e irresistibile, nel video pubblicato da Il Salvagente

Troppo belli per essere veri, così appaiono i prodotti alimentari sui cartelloni pubblicitari e negli …

Un commento

  1. fabrizio_caiofabricius

    Grazie tardivo e ormai crepuscolare allo IAP.
    Dopodomani qualsiasi strumento razionale sarà nostalgico ricordo e trionferanno appunto
    “lo sfruttamento della paura… differenziale idoneo a ingenerare confusione e allarmismo”… e quindi potere emozionale populista antiscientifico