Home / Richiami e ritiri / Ossido di etilene nella farina di semi di carrube: richiami precauzionali per yogurt e sostituti vegetali della panna

Ossido di etilene nella farina di semi di carrube: richiami precauzionali per yogurt e sostituti vegetali della panna

I supermercati Unes, Coop ed Esselunga e il discount Penny Market hanno segnalato il richiamo precauzionale di alcuni lotti di yogurt di vari marchi per la “presenza di ossido di etilene in un ingrediente (farina di semi di carrube)”. I prodotti in questione sono:

Tutti gli yogurt richiamati sono stati prodotti da Latte Montagna Alto Adige Soc. Agr. Coop., nello stabilimento di Bolzano, nell’omonima provincia autonoma (marchio di identificazione IT 41 7 CE).

Sempre per la “presenza di ossido di etilene in un ingrediente (farina di semi di carrube)”, il ministero della Salute ha pubblicato gli avvisi di richiamo precauzionale di alcuni lotti di sostituti vegetali della panna da cucina con i marchi . I prodotti interessati sono:crema vegetale cucina martini food service bianca gourmet qualità più

Tutti i sostituti della panna da cucina richiamati, a marchio Qualità Più, Martini Food Service e Master Martini, sono stati prodotti dall’azienda Unigrà Srl, nello stabilimento di via Gardizza 9/B a Conselice, in provincia di Ravenna.

Il richiamo di tutti i prodotti contenenti farina di semi di carrube con quantità rilevabili di ossido di etilene è stato disposto dalla Commissione europea secondo il principio di precauzione. Al momento si contano poco meno di 30 prodotti interessati tra bevande vegetali, burger vegetali, sostituti vegetali della panna da cucina, prodotti senza glutine e integratori alimentari.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 145 richiami, per un totale di 222 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Esselunga, Unes, Penny Market, ministero della Salute

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Carrefour richiama barrette di farro bio: presenza di solfiti non dichiarati in etichetta

I supermercati Carrefour hanno richiamato un lotto di barrette di fiocchi di farro e farro …