Home / Tecnologia e Test / Arriva l’olio di semi di mela, grazie a un nuovo sistema di estrazione sviluppato da ricercatori italiani. L’articolo di Teatro Naturale

Arriva l’olio di semi di mela, grazie a un nuovo sistema di estrazione sviluppato da ricercatori italiani. L’articolo di Teatro Naturale

Il residuo della lavorazione della mela per usi alimentari è di circa il 20%. Nelle province di Bolzano e Trento si concentra il 75% della produzione nazionale, con l’Italia sesto produttore mondiale di mele. Non deve allora stupire che i ricercatori del Food Technology Lab al NOI Techpark di Bolzano hanno sperimentato un nuovo metodo per valorizzare i semi. Grazie all’estrazione con la CO₂ supercritica, senza l’uso di solventi chimici, hanno ricavato un olio aromatico che può essere sfruttato sia nell’industria alimentare che in quella della bellezza.

Un gruppo di ricercatori italiani ha messo a punto un metodo per estrarre l’olio di semi di mela dagli scarti della lavorazione delle mele

In particolare, la ricercatrice Giovanna Ferrentino, esperta di tecnologie di estrazione con fluidi supercritici, ha recentemente pubblicato la sua ricerca (1) sulla rivista scientifica Innovative Food Science and Emerging Technologies in cui vengono descritti i risultati degli esperimenti di estrazione di olio dai semi di mela al posto del tradizionale processo tramite solventi organici.

È già possibile comprare olio estratto dai semi di mela, che viene usato per usi cosmetici – spiega Giovanna Ferrentino, ricercatrice e docente di Operazioni unitarie alla Facoltà di Scienze e tecnologie della Libera Università di Bolzano – ciò che differenzia la nostra ricerca è l’utilizzo di una tecnologia pulita che non utilizza solventi”. L’estrazione con anidride carbonica supercritica comporta un ulteriore vantaggio, in quanto l’olio ottenuto è di qualità più elevata: vi è completamente assente l’amigdalina, un composto tossico a base di cianuro, presente in basse quantità nell’olio estratto con solventi. Una volta raccolto dall’estrattore, l’olio di semi di mele è un prodotto finito, dal profumo di mandorla, che può essere usato come additivo nelle lavorazioni alimentari ma non solo. Inoltre, l’olio ha evidenti caratteristiche nutraceutiche in quanto contiene in abbondanza antiossidanti come tocoferoli.

Come avviene il procedimento che dà origine all’olio? I semi di mela vengono dapprima essiccati a 40°C fino a 12 ore e poi macinati. Quindi, la polvere viene inserita nel cilindro dell’estrattore da cui, dopo circa trenta minuti, si ricava l’olio. La resa è di circa il 21%: da 400 grammi di semi si possono ricavare circa 80 grammi di olio.

C.S. – Teatro Naturale

(1) G. Ferrentino et al., Supercritical fluid extraction of oils from apple seeds: Process optimization, chemical characterization and comparison with a conventional solvent extraction, agosto 2020, Innovative Food Science & Emerging Technologies

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Studi scientifici sull’alcol: c’è lo zampino della lobby dei produttori di alcolici come già successo per tabacco e zucchero

Come già avvenuto per il tabacco e per lo zucchero, anche l’alcol o, per meglio …

7 Commenti

  1. Avatar

    si può usare per friggere?

  2. Avatar

    è possibile conoscere la composizione di questo prodotto? (zuccheri, grassi saturi e insaturi etc etc)

    • Avatar
      Giovanni Gozzi

      L’olio (qualsiasi olio) è fatto per il 100 % di grassi. In alcuni casi (per l’oliva extra vergine) c’è una piccola percentuale d’acqua spesso non considerata.
      Dalla nutrizionale al massimo può ottenere la percentuale di grassi saturi e insaturi.
      Tutte le micro o nano sostanze, benefiche o nocive, sono troppo complicate da descrivere, e spesso ciò fa molto comodo.

  3. Avatar

    Infatti volevo sapere le percentuali di grassi saturi, insaturi (mono e poli).

  4. Avatar

    Vedo all’orizzonte un nuovo superfood… non appena i pubblicitari si accorgeranno della sua esistenza.

  5. Avatar
    Giovanni Gozzi

    Salvo usuali moderazioni una rapida ricerca ha permesso di stabilire un contenuto in acido linoleico del 64 %. Informazioni più dettagliate possono essere reperite all’Università di Bolzano.
    Quanto al super food ci credo come alle previsioni del tempo ad un anno.