Home / Pubblicità & Bufale / Olio extravergine: al via la campagna promozionale. In tv iniziano gli spot. Da un articolo di Teatronaturale.it

Olio extravergine: al via la campagna promozionale. In tv iniziano gli spot. Da un articolo di Teatronaturale.it

Assortment of fresh organic extra virgin olive oil in bottlesProponiamo ai lettori un articolo pubblicato sul sito Teatronaturale.it firmato da Caterina Mazzacolin intitolato “Finalmente lo Stato ha capito che l’olio extra vergine d’oliva è un capolavoro“. La nota descrive la campagna promozionale avviata dalle istituzioni per valorizzazione un prodotto fondamentale nella cultura gastronomica italiana, che in genere viene pubblicizzato solo per comunicare ai consumatori il prezzo sottocosto.

Che meraviglia quando le istituzioni vanno nella direzione giusta e danno voce al lavoro di qualità e tutela intrapreso – lontano dai riflettori – dalle piccole e medie imprese! Nello specifico, si tratta qui di olio extravergine, un prodotto la cui importanza per l’alimentazione, la salute, la conservazione del paesaggio, dovrebbe entrare con urgenza nel dibattito pubblico. La bella novità è nella campagna istituzionale promossa dal Mipaaf – Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – insieme a Ismea – Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare. Questa campagna, dedicata al settore olivicolo-oleario, ha il titolo di “Olio su Tavola – I Capolavori dell’Extravergine”.

Olio extravergine: la campagna promozionale delle olive Frantoio

Come spiega il sito campagneistituzionali.it, questa campagna “… nasce dall’esigenza di promuovere una maggiore conoscenza, presso il pubblico italiano, della grande varietà di extravergine di qualità presente nel nostro Paese e delle oltre 500 cultivar che danno vita a un patrimonio di gusto e cultura unico e inimitabile”.

Nonostante sia uno degli alimenti più utilizzati in Italia e caposaldo della dieta mediterranea, l’olio extravergine è ancora paradossalmente uno dei meno conosciuti. La causa sta nel fatto che dell’olio si è sempre puntato a comunicarne solo il prezzo, per giunta al ribasso, come se il risparmio fosse l’unico criterio di valutazione. Svalutandolo e togliendogli la dignità nutrizionale e culturale che merita.

Olio extravergine : la campagna promozionale dell’olio ottenuto da olive Moraiolo

Associando i diversi extravergine ai dipinti dei più grandi geni della pittura italiana, come Leonardo, Botticelli, Tiziano e Il Perugino, si punta finalmente a promuovere un prodotto di grande valore celebrandone il rilievo anche culturale. In particolare colpisce l’ultimo spot visto in TV, lanciato proprio il 26 Novembre scorso in occasione della giornata internazionale dell’olivo e che verrà trasmesso sino a fine Dicembre sul circuito Rai, Raiplay, coinvolgendo finalmente i media nazionali con una programmazione su tv, web tv, testate giornalistiche e radiofoniche, raggiungendo così milioni di italiani.

La voce off dello spot recita: “Moraiolo, Frantoio, Coratina, Nocellara del Belìce, Leccino, Taggiasca, sono solo alcune delle oltre 500 varità di olive del nostro Paese che danno vita a un patrimonio di oli extravergini unico e inimitabile. Perché dire che gli oli sono tutti uguali è come dire che i colori sono tutti uguali. Ogni extravergine di qualità italiano dà ai tuoi piatti un gusto diverso e forse è venuto il momento di conoscerli tutti. Così la tua cucina si riempirà di capolavori firmati da te”.

Il testo accompagna (vedi sopra) le immagini di uno chef che versa olio di oliva extra vergine di qualità – e lo si capisce perché la bottiglia è ripresa in dettaglio: di vetro scuro e con tappo anti rabbocco. Lo chef versa l’olio prima in una pentola – mostrando quindi che è consigliabile utilizzare olio di qualità anche per la cottura – e poi lo versa sul piatto finito per esaltarne i sapori. Queste immagini si alternano a quelle di un pittore impegnato a dipingere con colori a olio il ritratto di una graziosa ragazza che, immersa nella natura, tiene in mano una brocca piena di olio dal profumo inebriante.

Un’iniziativa importante che cade in un momento di grande sofferenza economica per tutto il comparto agricolo e che per tanti produttori rappresenta un segnale positivo e inatteso. Perché per la prima volta si riconosce l’importanza di un prodotto che negli ultimi 20 anni è sempre stato valorizzato e promosso solo dai produttori stessi, praticamente senza alcun sostegno. Sono infatti più di 20 anni che chi produce olio di qualità investe le proprie risorse nel comparto olivicolo, rendendosi conto che per competere sul mercato mondiale il nostro prodotto non solo deve conservare i diversi profumi e sapori dalle tantissime cultivar di olive presenti nel nostro Paese, ma deve lavorarle nel migliore dei modi per potersi imporre su una concorrenza spietatamente al ribasso.

olio extravergine
Olio extravergine : le campagne pubblicitarie in genere puntano al prezzo  minore, come se il risparmio fosse l’unico criterio di valutazione

È grazie alla curiosità, alla determinazione e al know-how tutto italiano di questi produttori se oggi l’Italia può vantare oli fra i più buoni del mondo. Tutto il lavoro di tutela delle varietà italiane, di ricerca e miglioramento dei macchinari utilizzati nell’estrazione dell’olio, ha portato l’olio artigianale a una vera e propria rivoluzione qualitativa. Eppure tutto ciò è avvenuto in un mondo parallelo, senza che quasi né il consumatore italiano né la politica si accorgessero di niente.

Purtroppo anni di interventi rivolti esclusivamente a favorire le grandi imprese, hanno generato nei piccoli e medi produttori molta sfiducia verso le istituzioni, amareggiati dal disinteresse verso il loro sforzo. Per questo la campagna appena uscita suscita meraviglia ed entusiasmo: significa che qualcosa sta cambiando e che finalmente non saranno più soli nel tentativo di comunicare al consumatore cosa significa un olio di qualità.

Olio extravergine : la campagna promozionale delle olive Nocellara del Belice

Oggi l’integrità del patrimonio olivicolo italiano è tutto sulle spalle dei piccoli e medi olivicoltori, ma le politiche agricole sono per lo più pensate e rivolte alle grandi imprese industriali.
Sarebbe meraviglioso se si potesse considerare questo spot tv come premessa di una nuova visione che ammetta l’esistenza di due fondamentali categorie: l’olio artigianale, trasformato a partire dalla materia prima dalle piccole e medie imprese, e l’olio industriale, frutto principalmente di assemblaggi e partite di olio, nemmeno sempre provenienti dall’Italia.

Questa distinzione sarebbe un fondamentale supporto a tutte quelle aziende che finora si sono occupate di curare i nostri territori tanto amati e riconosciuti in tutto il mondo per le loro colline piene di olivi, e incoraggerebbe i produttori a presidiare le loro terre e a produrre oli di qualità nelle diverse varietà e declinazioni delle rispettive regioni. Nel frattempo, ben vengano le campagne di informazione istituzionali sull’olio che, se costanti nel tempo, alla lunga varrebbero molto più di un finanziamento a fondo perduto.

di Caterina Mazzacolin – articolo tratto da Teatro naturale.it

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Antitrust, al via la campagna di spot “conviene saperlo” per informare i consumatori

L’Antitrust ha lanciato la campagna #convienesaperlo con uno spot per informare i consumatori e le piccole …

Un commento

  1. Avatar

    C’è pieno di i “SAREBBE” e intanto ho visto l’olio extravergine in PET a 1,99. Io dal produttore (piccolo) lo pago 9 (nove) ma vedo che fanno tanti spot ma sono solo parole. P. S. Secondo me questo governo lavora benissimo e spero che duri.