Home / Tecnologia e Test / Olio extravergine di oliva biologico: la rivista dei consumatori francesi Que Choisir mette alla prova 15 marchi. Sei bottiglie declassate, bene gli italiani Monini e Carapelli

Olio extravergine di oliva biologico: la rivista dei consumatori francesi Que Choisir mette alla prova 15 marchi. Sei bottiglie declassate, bene gli italiani Monini e Carapelli

UFC ha testato 15 bottiglie di oli extravergine biologico, declassandone sei a olio vergine

Anche l’olio extravergine biologico non è sempre ‘extra’ e spesso è di origine tunisina. Lo dimostra l’indagine compiuta dall’associazione dei consumatori francese UFC (Unione federale dei consumatori), che ha realizzato un test comparativo  su 15 bottiglie di extravergine bio. I risultati  sono pubblicati sul numero di giugno 2017 del magazine Que Choisir, attualmente in edicola.

Sulla base di analisi chimiche condotte in laboratorio e di prove sensoriali, sei bottiglie su 15 sono state declassate a olio vergine. In un caso si è riscontrato un eccessivo tenore di esteri dell’alcol etilico (indice di fermentazione), mentre  per gli altri campioni si è riscontrato una nota di rancido. L’irrancidimento è in genere collegato all’invecchiamento e si tratta di un difetto tipico degli oli provenienti dalla Tunisia. Le olive coltivate nel paese nordafricano appartengono a una varietà particolarmente ricca di acidi grassi polinsaturi, ottimi per la nostra salute, ma che purtroppo tendono a irrancidire rapidamente. Di conseguenza può capitare che un olio di oliva tunisino extravergine a tutti gli effetti al momento dell’imbottigliamento, non abbia più i requisiti alla fine del termine minimo di conservazione di 18 mesi.

In Tunisia la coltivazione biologica delle olive è più semplice per le favorevoli condizioni climatiche

Ma cosa c’entrano le olive tunisine con gli oli di oliva biologici? Coltivare olive secondo le regole dell’agricoltura biologica è più facile in Tunisia: il clima secco limita lo sviluppo di insetti nocivi, che regolarmente infestano gli oliveti italiani, greci e spagnoli. L’altro elemento da considerare è che il costo di un olio extravergine biologico tunisino risulta inferiore a un olio extravergine non biologico spagnolo. Per questo è  facile trovare oli bio di provenienza tunisina e anche quando si legge “paesi extra UE” è molto probabile che si tratti di Tunisia.

L’Unione Federale dei Consumatori è una delle associazioni francesi più attive e importanti

Nell’elenco dei prodotti sottoposti a test ci sono anche due marchi italiani, Monini e Carapelli classico, entrambi piazzati ai livelli alti della classifica. L’olio extravergine biologico Monini, prodotto con olive italiane, si colloca in un ottimo secondo posto, a pochi decimi di punto dal primo classificato, il marchio francese Tramier. L’olio biologico Carapelli Classico, prodotto con olive di provenienza UE, invece si piazza al quarto posto della classifica.

© Riproduzione riservata

Hai trovato interessante questo articolo? Sostieni Il Fatto Alimentare. L’informazione vera non può essere  sempre gratuita

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Farmaci nel latte scrive Il Salvagente. Evitare allarmismi irrazionali, dice il direttore di Ruminantia Alessandro Fantini

Pubblichiamo il commento del direttore di Ruminantia® Alessandro Fantini, sull’inchiesta relativa al latte realizzata dal …

10 Commenti

  1. Avatar

    Carapelli è in mano agli spagnoli a dire il vero ma fa piacere leggere che abbiano passato brillantemente i test.

  2. Avatar

    Infatti, Carapelli non è più italiano

    • Avatar

      Sì ma produce in Italia e anche se la proprietà è spagnola, l’azienda è di fatto italiana

  3. Avatar

    scusate, ma carapelli e monini non erano stati oggeetto di feroci critiche sulla pessima qualità ? articolo pubblicato da voi ma derivante da un serivzio di Report!?!

  4. Avatar

    Se Carapelli fa qualità io sono babbo natale!!!

  5. Avatar

    mi fa piacere notare che queste 2 aziende che qualche anno fà hanno avuto qualche “problemino in certe classifiche relative a controlli e qualità” ora siano risalite in classifica
    sarebbe stato interessante poter paragonare le linee di prodotto dei vecchi test ..e questi piu recenti
    perchè parlare di “marca” a mio modesto parere , è poco indicativo

  6. Avatar

    ha ragione erano Bertolli e Carapelli …..