Home / Etichette & Prodotti / Nutri-Score sui prodotti Danone, McCain, Bofrost e Findus anche in Germania. L’industria tedesca dichiara guerra e lancia un’etichetta alternativa

Nutri-Score sui prodotti Danone, McCain, Bofrost e Findus anche in Germania. L’industria tedesca dichiara guerra e lancia un’etichetta alternativa

Nutri-ScoreIl Nutri-Score continua a diffondersi in Europa, l’ultimo Paese che si è aggiunto alla lista è la Germania, dove alcune aziende hanno scelto di adottare il sistema francese, in assenza di un logo nutrizionale ufficiale tedesco.  Nel primo gruppo di aderenti spiccano i nomi di Danone e McCain, tra i primi sostenitori del Nutri-Score in Francia, e degli specialisti di surgelati Bofrost e Iglo (il marchio con cui sono distribuiti i prodotti Findus in Germania). Il sistema è in vigore in Francia dall’autunno 2017, dopo anni di studi e test, dove è già stato sottoscritto da più di 90 aziende, grandi e piccole. Più di recente è stato adottato ufficialmente in Belgio e il suo impiego è in corso di studio anche in Spagna. L’Ufficio federale per la sicurezza alimentare elvetico sta prendendo in considerazione di introdurre un logo armonizzato in Svizzera, considerando la possibilità di scegliere l’etichetta francese.

 L’arrivo del Nutri-Score in Germania, riporta Food Navigator, non è stato accolto positivamente da tutti. Un tribunale di Monaco ha ordinato ad Iglo (Findus) di rimuovere l’etichetta in seguito a un esposto di un’associazione di categoria, secondo cui l’etichetta francese non rispetterebbe le leggi sulla concorrenza. Dal canto suo, l’azienda, che ha iniziato a usare il logo su circa 140 prodotti da gennaio 2019, difende la scelta di adottare il Nutri-Score per rispondere alla richiesta dei consumatori di un’etichetta nutrizionale “trasparente, indipendente e facile da capire”.

etichetta nutrizionale industrie tedesche
Per contrastare il successo del Nutri-Score in Germania, un’associazione industriale tedesca ha presentato un logo nutrizionale alternativo

La guerra al logo francese, in Germania, non si combatte solo nelle aule dei tribunali. Una parte dell’industria tedesca ha reagito al Nutri-Score presentando un’etichetta nutrizionale concorrente. Il sistema sviluppato dalla Federazione per la legislazione e la scienza alimentare (BLL) indica il contenuto di calorie, grassi, grassi saturi, zucchero e sale per 100 grammi o una porzione di alimento e la percentuale rispetto ai valori di riferimento giornalieri. Graficamente, i dati nutrizionali sono accompagnati da cerchi che si riempiono a spicchi, all’aumentare del contenuto di grassi o zucchero: un sistema del tutto simile all’etichetta a batteria italiana. E come per la proposta nostrana, anche quella delle industrie tedesche non usa i colori del semaforo, perché questi potrebbero dare un “giudizio” al cibo (vedi foto sopra).

Il Nutri-Score, al contrario, è un sistema sintetico e immediato che consiste in un logo a colori con cinque lettere – dalla ‘A’ verde scuro alla ‘E’ rossa – che indica la qualità nutrizionale globale di un alimento, sulla base dei nutrienti e degli ingredienti presenti nel prodotto: calorie, grassi saturi, zuccheri, sodio, proteine, fibre, frutta e verdura.

Per questo motivo, l’etichetta alternativa è stata criticata dall’Associazione federale dei consumatori tedeschi, che l’ha considerata inadatta a fornire informazioni intuitive e immediatamente comprensibili e ha lanciato un appello auspicando un sistema ufficiale tedesco. L’invito è stato raccolto dalla ministra federale per l’Agricoltura, alimentazione e protezione dei consumatori Julia Klöckner, che ha annunciato di aver commissionato l’ideazione di un nuovo sistema che sarà testato insieme ai modelli già esistenti, Nutri-Score compreso.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Close up photo of charming lovely hipster playing with cakes pies candies in kitchen preparing for birthday dressed in white woolen pullover isolated over colorful background

Ma esiste davvero un biscotto sano? Altroconsumo analizza 168 prodotti tra frollini, biscotti secchi, integrali e ‘senza’

C’è chi i biscotti preferisce mangiarli a colazione, chi li accompagna al classico tè delle …

2 Commenti

  1. Avatar

    Resto dell’idea che il Nutri-score sia la forma migliore (per il consumatore).

  2. Avatar

    Personalmente trovo l’etichetta alternativa più complessa e molto più informativa, quindi per me sarebbe l’ottimale ma comprendo anche che il consumatore medio abbia bisogno di qualche cosa di elementare. Se le mettessero entrambe sarebbe il meglio.