Home / Etichette & Prodotti / Il Belgio adotta ufficialmente il Nutri-Score dal 1° aprile 2019. Contraria l’associazione delle industrie alimentari

Il Belgio adotta ufficialmente il Nutri-Score dal 1° aprile 2019. Contraria l’associazione delle industrie alimentari

danone bianco Nutri Score FranciaÈ ufficiale: il Nutri-Score è l’etichetta nutrizionale a semaforo del Belgio dal 1° aprile 2019. La svolta arriva a meno di un anno dall’annuncio della ministra degli Affari sociali e della salute pubblica Maggie De Block, che alla fine dell’estate 2018 aveva spiegato come l’obiettivo del governo fosse quello di rendere le informazioni nutrizionali più accessibili e facili da comprendere. E dopo una lunga consultazione con esperti del settore alimentare, industrie e associazioni dei consumatori, la scelta è ricaduta sul sistema francese.

Il Nutri-Score è un logo che utilizza cinque colori – dal verde scuro al rosso – e cinque lettere – dalla A alla E – per esprimere in maniera immediata e sintetica la qualità nutrizionale globale dell’alimento. Il giudizio è calcolato su 100 grammi (o 100 ml per i liquidi) di alimento e prende in considerazione sia nutrienti e ingredienti da limitare (calorie, grassi saturi, zuccheri semplici e sale), sia quelli positivi per la nostra salute, come la presenza di frutta e verdura tra gli ingredienti, e il contenuto di fibre e proteine.

Fin dal primo annuncio, la scelta di adottare il Nutri-Score è stata accolta con favore dalle associazioni dei consumatori, ma meno dalle aziende che, rappresentate dalla Federazione belga delle industrie alimentari (Fevia), hanno detto di sostenere un logo comune europeo rispetto ai diversi modelli nazionali. Ma non tutte le imprese sono contrarie: le francesi Danone e Carrefour hanno deciso di adottare l’etichetta a semaforo anche in Belgio, così come hanno fatto le catene di distribuzione locali Delhaize e Colruyt, che hanno iniziato usarlo gradualmente già da diversi mesi.

Anche la Spagna, il 12 novembre scorso, ha annunciato l’intenzione di adottare il Nutri-Score, su iniziativa della ministra della Salute, dei consumi e della previdenza sociale María Luisa Carcedo, ed la sua applicazione è al momento in fase di definizione (si pensano eccezioni per l’olio di oliva). Danone, invece, dalle prime settimane di marzo ha cominciato ad utilizzare il logo anche nei prodotti venduti in Svizzera.

© Rirpoduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Family chooses dairy products in shop

La guerra delle etichette nutrizionali: batteria contro semaforo. L’Italia in controtendenza rispetto all’Europa

Il governo italiano presenterà all’Ue un modello di etichette nutrizionali a batteria come controproposta all’etichetta …