Home / Lettere / Nutri-Score: “aiutateci a creare un database di prodotti italiani”, l’appello dei ricercatori francesi a studenti e università

Nutri-Score: “aiutateci a creare un database di prodotti italiani”, l’appello dei ricercatori francesi a studenti e università

open food facts nutri-scoreIl Dipartimento di Ricerca in Epidemiologia Nutrizionali (EREN) di Parigi sta coordinando un progetto di studio internazionale, per verificare se e come il sistema di etichettatura a semaforo francese, il Nutri-Score, può essere adottato in altre nazioni. Il progetto dovrebbe coinvolgere, oltre alla Francia che già dispone dei dati nutrizionali di migliaia di prodotti, anche l’Olanda, il Portogallo, l’Italia e il Belgio. Per fare questo, però, è necessario avere avere a disposizione le schede di almeno 7-10 mila prodotti alimentari in vendita nei supermercati italiani catalogati nel sito web Open Food Facts, che sulla base dei dati inseriti (dichiarazione nutrizionale e lista degli ingredienti) fornisce automaticamente il Nutri-Score.

Attualmente nel database ci sono 4 mila prodotti italiani inseriti da consumatori in modo random. Per portare avanti lo studio occorre trovare un istituto di ricerca, un’università o studenti in tesi interessati a controllare i prodotti già presenti nel sito e fare un’integrazione con altri per avere un paniere rappresentativo. Il lavoro consiste nel rilevare il codice a barre dei prodotti in vendita al supermercato attraverso uno smartphone, e controllare se già presente nella banca dati Open Food Facts. In questo caso bisogna verificare se i dati sono corretti. Se il prodotto non è presente occorre aggiungerlo inserendo nel database i valori riportati sull’etichetta nutrizionale e la lista degli ingredienti. Alla fine del lavoro chi segue il progetto potrà utilizzare i dati per analisi di settore. Non sono previsti finanziamenti.

Per ulteriori informazioni, è possibile scrivere in redazione all’indirizzo e-mail ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

sugar tax zucchero soda bevande bibite

Tassa sullo zucchero: va affiancata a incentivi per produrre cibo sano. La proposta dell’Università di Bari

Come docenti universitari di Scienze e tecnologie alimentari e Chimica degli alimenti presso l’Università degli …