Home / Lettere / Noci “Ricche di Omega 3, per il tuo benessere”: è corretto scriverlo in etichetta? Risponde l’avvocato Dario Dongo

Noci “Ricche di Omega 3, per il tuo benessere”: è corretto scriverlo in etichetta? Risponde l’avvocato Dario Dongo

mister nut wellness noci confezioneGentile Redazione,
ho letto il libro L’Etichetta dell’avvocato Dario Dongo e ho una domanda per lui. Ho preso al distributore automatico un pacchetto di noci sgusciate dove è scritto che hanno “proprietà naturali per il tuo benessere“. Vorrei capire se é proprio così, se l’etichetta è giusta. Ecco qui le foto del prodotto.
Jessica

Abbiamo chiesto un parere all’avvocato Dario Dongo esperto di diritto alimentare

La Sua curiosità è più che legittima, atteso che “L’operatore del settore alimentare che formula un’indicazione nutrizionale o sulla salute giustifica l’impiego di tale indicazione” (1). L’etichetta in esame, nell’esprimere i concetti di benessere e wellness, indica che le noci sono ricche di Omega3. Un’indicazione plausibile, che può venir riportata al ricorrere delle seguenti condizioni:

mister nut wellness noci fronte– “L’indicazione che un alimento è ricco di acidi grassi omega-3 e ogni altra indicazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il prodotto contiene almeno 0,6 g di acido alfa-linolenico per 100 g e per 100 kcal oppure almeno 80 mg della somma di acido eicosapentanoico e acido docosaesaenoico per 100 g e per 100 kcal” (2),

– “inoltre, secondo i casi, la quantità della sostanza cui fa riferimento un’indicazione nutrizionale o sulla salute che non figura sull’etichettatura nutrizionale è indicata anche nello stesso campo visivo delle informazioni nutrizionali” (3).

mister nut wellness noci retroLa dichiarazione nutrizionale è scarsamente leggibile sulla confezione in esame, poiché esposta in formato lineare (4) in uno spazio risicato su sfondo argenteo, ma i requisiti paiono sussistere. L’elemento critico dell’etichetta esaminata riguarda invece gli ingredienti allergenici, in quanto viene fatto riferimento alla categoria della frutta secca con guscio anziché ai singoli frutti (5) indicati in Allegato II al regolamento (UE) n. 1169/11 (Ebook L’Etichetta).

Note

(1) reg. CE 1924/06, art. 6.2
(2) reg. cit., allegato
(3) reg. cit., art. 7.2
(4) cfr. reg. cit., art. 34.2
(5) “mandorle (Amygdalus communis L.), nocciole (Corylus avellana), noci (Juglans regia), noci di acagiù (Anacardium occidentale), noci di pecan [Carya illinoinensis (Wangenh.) K. Koch], noci del Brasile (Bertholletia excelsa), pistacchi (Pistacia vera), noci macadamia o noci del Queensland (Macadamia ternifolia), e i loro prodotti (…)” (reg. CE 1924/06, All. II, punto 8)

gift dario dongo

logo-fare

 

 

 

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

Dieta a crudo per cani e gatti: la riflessione di un veterinario che chiarisce alcuni punti

Pubblichiamo di seguito il commento di un medico veterinairo, Valerio Guiggi, che ci ha scritto …

3 Commenti

  1. Avatar

    Buongiorno
    Ma ė corretto inserire il contenuto di Omega 3 in tabella?Il Regolamento 1169/2011 da indicazioni precise sulle voci, obbligatorie e facoltative, da riportare nella dichiarazione nutrizionale. Nell’art. citato si parla di stesso campo visivo quindi io lo interpretetei come nelle vicinanze e non in tabella….voi cosa ne pensate?

  2. Avatar

    A me sembra una mossa pubblicitaria inconsistente per chi se ne intende, quello che vorrei sapere e di cui vorrei avere informazioni in etichetta è l’origine delle noci, non ne vedo traccia…preferisco sempre acquistare il prodotto nazionale, abbiamo davvero bisogno di fare arrivare le noci dalla california?..mah

  3. Avatar

    in riferimento alla risposta sull’indicazione degli omega-3 nelle noci, bisognerebbe specificare che acido alfa linolenico e epa e dha non svolgono le stesse funzioni
    la confusione che si fa indicando semplicemente “omega-3”, benché la normativa lo consenta, è anche fuorviante per chi crede agli effetti salutistici
    mi è capitato di leggere una pubblicità riferita a un prodotto vegetale che afferma “contiene otto volte la quantità di omega-3 del salmone”
    si trattava di C 18:3!!