;
Home / Etichette & Prodotti / I negozi di elettrodomestici possono restare aperti, anche per le riparazioni. Perché allora non c’è uniformità?

I negozi di elettrodomestici possono restare aperti, anche per le riparazioni. Perché allora non c’è uniformità?

house workingForse non tutti lo sanno, ma i negozi di elettrodomestici, grandi e piccoli, sono tra i pochi che possono restare aperti durante l’emergenza. Molti di loro sono effettivamente operativi, anche se in qualche caso adottano orari ridotti, ma sono comunque disponibili a effettuare interventi di riparazione. Lo ricorda una lettera diffusa da Aires Confcommercio Associazione Italiana Retailer Elettrodomestici Specializzati.

Come prescritto dal Governo (fin dal DPCM 11 Marzo 2020 e più recentemente confermato dal DPCM 10 Aprile 2020), scrive l’associazione, il settore garantisce la disponibilità nei punti vendita e online di beni essenziali come telefoni, computer, TV, tablet, elettrodomestici grandi e piccoli. Aires precisa che la quasi totalità dei negozi è aperta, e che “resta assolutamente consentito uscire di casa per recarsi nei nostri punti di vendita e anche uscire dal proprio Comune se questa è l’unica possibilità per trovare il bene del quale si ha bisogno.”

È possibile quindi recarsi in negozio per comprare una cucina o un frigorifero e chiedere di intervenire per riparare un guasto, visto che, come spiega il direttore generale di Aires Davide Rossi, “è una delle attività fondamentali per i consumatori, per cui ci stiamo impegnando a garantire le aperture sul territorio”. Le  normative prevedono che il primo riferimento per l’acquirente in caso di malfunzionamento sia il rivenditore, “anche se è sempre possibile, per chi lo preferisce, rivolgersi direttamente ai numeri verdi dei centri assistenza delle diverse aziende”.

Non tutti i punti vendita però hanno scelto di restare aperti. Per capire le ragioni, bisogna conoscere meglio questo settore, che nel nostro paese ha caratteristiche particolari. “Da noi, accanto alle vere e proprie catene ci sono insegne di  gruppi di acquisto che riuniscono sotto una stessa sigla società diverse e ognuna mantiene una certa autonomia. In questo caso – spiega Rossi  – è possibile che punti vendita con la stessa insegna abbiano comportamenti diversi nelle regioni”. In effetti, ci sono negozi aperti poche ore al giorno, e altri che nelle piccole realtà hanno appeso un cartello con il numero di telefono cui rivolgersi per un appuntamento.

negozi di elettrodomestici
Gli orari o la scelta di tenere aperti i battenti dei negozi di elettrodomestici nei festivi sono quindi decisioni autonome

“L’unica catena affiliata ad Aires è Unieuro, con circa 250 punti vendita che in effetti è rimasta aperta – anche se con orario più breve” spiega Rossi, – a questa realtà si aggiungono 250 negozi affiliati aperti al 90%”. L’altra catena importante in Italia è MediaWorld che non aderisce ad Aires, e ha scelto la chiusura anche se sta programmando la riapertura.

Le altre sigle di negozi di elettrodomestici, Trony, Euronics ed Expert, non rappresentano società ma gruppi di acquisto: Trony è nata nel 1972 da otto imprenditori che si sono riuniti per ottimizzare la capacità di acquisto e organizzare una strategia di comunicazione comune. Attualmente ha circa 200 punti vendita, oltre a una catena di negozi affiliati con il marchio Sinergy. Per quanto riguarda Euronics ed Expert, si tratta di un’associazione tra imprenditori e rivenditori indipendenti (Euronics ha oltre 470 negozi oltre a trentasei negozi a insegna Expert e altri 261 affiliati). Per questo motivo l’orario legato all’emergenza Coronavirus varia da regione a regione, e anche da punto vendita a punto vendita. “Si tratta di un’organizzazione tipica del mercato italiano, in cui un gruppo di imprenditori si riunisce sotto un marchio unico che permette di legarsi a una compagine internazionale. In questo modo vengono centralizzati una parte degli acquisti, la pubblicità e le offerte, oltre a impegnarsi a garantire uno standard qualitativo uniforme per quanto riguarda le promozioni e i servizi forniti. Ma i negozi mantengono autonomia e caratteristiche individuali”.

Gli orari o la scelta di tenere aperti i battenti nei festivi sono quindi decisioni autonome, e variano da regione a regione tanto che alcuni punti vendita hanno mantenuto, accanto al marchio del gruppo, quello originario del vecchio negozio familiare, “come avviene ad esempio nel Veneto per i punti vendita Trony Schiavotto” spiega Rossi.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

locusta migratoria

La locusta entra a fare parte del menu europeo: via libera della Commissione al secondo insetto

Semaforo verde per le locuste. La Commissione europea, lo scorso 12 novembre, ha autorizzato l’immissione …