Home / Etichette & Prodotti / Biscotti Mulino Bianco Fiori di latte: 40% in meno di grassi dice lo spot ma quasi lo stesso numero di calorie degli altri frollini, mentre il prezzo raddoppia

Biscotti Mulino Bianco Fiori di latte: 40% in meno di grassi dice lo spot ma quasi lo stesso numero di calorie degli altri frollini, mentre il prezzo raddoppia

La pubblicità dei Fiori di latte dice che contengono il 40% in meno di grassi rispetto agli altri frollini

Gli spot tv dei frollini Barilla “Fiori di latte”  hanno un notevole impatto perché nella pubblicità si dice che contengono  il 40% in meno di grassi rispetto agli altri. Osservando però la confezione qualcosa non convince. A dispetto del nome, i Fiori di latte contengono solo il 5,2% di latte in polvere scremato!  Perché allora Barilla ha scelto questo nome per un prodotto che non contiene vero latte?

 

Il secondo elemento critico riguarda la scritta “40% in meno di grassi”. La dicitura  lascia spazio a facili considerazioni sulla leggerezza, che però non corrispondono alla realtà. La presenza di  grasso è in effetti ridotta, ma questo elemento non comporta una diminuzione consistente delle calorie come verrebbe spontaneo ipotizzare. La tabella nutrizionale indica 424 kcal per 100 g,  un valore di poco inferiore ai Rigoli della linea Mulino Bianco, che arrivano a 457  kcal  per 100 g (8% di calorie in più), oppure delle Primizie 469 kcal (10% calorie in più).

 

mulino bianco biscotti rigoli
Fare colazione al mattino con 5 biscotti Fiori di latte, oppure con 5 Rigoli comporta l’ingestione dello stesso numero di  calorie

Considerando anche anche il peso,  possiamo dire che facendo colazione con 5 biscotti Fiori di latte o con 5 Rigoli, si ingeriscono le stesse calorie. Chi  preferisce altri biscotti come le Primizie o le Macine a parità di peso l’incremento di calorie oscilla dall’8 al 15%.

 

Un altro elemento da considerare riguarda il tipo di grassi utilizzati, è vero che sono di meno ma di mediocre qualità.  Barilla per la linea Mulino ha scelto l’olio di palma, un grasso responsabile della distruzione delle foreste in Malesia e in altre zone tropicali, che ha invaso il panorama alimentare italiano essendo presente in quasi tutti i prodotti da forno. Questo particolare contrasta con l’immagine salutistica del biscotto semplice e leggero che Barilla presenta ai consumatori negli spot. Nell’elenco degli ingredienti si trova anche l’olio di semi di girasole ma la quantità è minima.

 

I biscotti Fiori di latte costano più del doppio rispetto ad altri biscotti della linea Mulino Bianco

Alla fine la delusione per i biscotti descritti come leggeri, naturali e cotti a vapore è grande. Gli ingredienti sono pressoché uguali a quelli degli altri frollini Mulino Bianco, i grassi sono di mediocre qualità, la leggerezza è un sogno e poi il prezzo è decisamente esagerato. Il listino nei supermercati Esselunga indica 7,6 €/kg, ovvero  più del doppio rispetto al prezzo degli altri frollini come le Macine, i Galletti e i Rigoli.

 

Biscotti Mulino Bianco linea Verde
Ingredienti

Fiori di Latte Biscotti frollini ricchi di calcio

con Latte Scremato e Riso

-40% di grassi

Farina di frumento , Zucchero , Grasso vegetale di palma, Latte scremato in polvere 5,1% , Amido di frumento , Olio di semi di girasole, Farina di riso 3,2%, Miele, Agenti lievitanti (carbonato acido d’ammonio, carbonato acido di sodio), Minerali concentrati di latte, Burro, Emulsionante: lecitina di soia, Aromi (latte), Sale, Può contenere tracce di: arachide, frutta a guscio, sesamo e uova

 

Roberto La Pira

Riproduzione riservata

Informazioni nutrizionali Per 100g Per biscotto (8g) % GDA (1) per biscotto
Energia kcal 424 34 2%
kJ 1788 143 2%
Grassi g 10,9 0,9 1%
di cui Acidi Grassi Saturi g 3,8 0,3 2%
Carboidrati g 71,4 5,7 2%
di cui Zuccheri g 20,0 1,6 2%
Fibra (2) g 3,3 0,3
Proteine g 8,5 0,7 1%
Sale g g 0,800 0,064 1%
Calcio 300 mg / 37% VNR (3)
(1) GDA= consumi di riferimento per un adulto medio (8400 kJ/2000 kcal)
(2) somma dei metodi AOAC 985.29 e 999.03
(3) VNR= valori nutritivi di riferimento

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Il termine minimo di conservazione non è una scadenza! La tabella con tutti i riferimenti per un consumo sicuro

Il termine minimo di conservazione, o Tmc, è una delle indicazioni presenti sulle confezioni dei …

6 Commenti

  1. Avatar
    Nicola Mazzola

    Quasi OTTO euro al chilo per comunissimi biscotti industriali composti in stragran parte da farina, zucchero, grasso di palma e latte in polvere. In qualsiasi hard discount i concorrenti equivalenti non superano i TRE euro al chilo. I cinque euro di differenza? marketing e pubblicità, cioè le illusioni a caro prezzo che consentono di vendere lo stesso prodotto a quasi il triplo.

  2. Avatar
    Maria Antonietta Guidone

    Consiglio alla Barilla di mettere nella qualità del prodotto i soldi della pubblicità .

  3. Avatar

    Questi sono gli stessi che ci vengono a insegnare cosa bisogna o non bisogna mangiare (beh, lo fanno con la fondazione, ma che iniziassero ad applicare a casa loro quel che dicono!)
    Invece, come spesso accade, quelli che si prodigano a dare buoni consigli non disdegnano di dare anche il cattivo esempio…

  4. Avatar
    Mauro Sbaraini

    Una considerazione e una domanda, ho lavorato 20 anni in una azienda di biscotti a lavorazione industriale dal 1985 e gli ingredienti erano esattamente gli stessi di quelli proposti da Barilla nel 2015, alla fine quindi siamo in presenza di un prodotto con una innovazione tecnologica pressochè inesistente a fronte di un prezzo assolutamente fuori da ogni logica se non quella dello specchietto per le allodole derivato da un marketing e da una pubblicità che definire fuorviante è fare un esercizio di morigeratezza.
    La domanda invece è tecnica: che significa all’atto pratico la dicitura “minerali concentrati di latte”? Personalmente mi pare un obbrobrio linguistico e una palese violazione della chiara e trasparente informazione al consumatore richiesta dalla nuova legge sull’etichettatura degli alimenti. Avete anche voi questa sensazione di “cono d’ombra”?

  5. Avatar

    Buongiorno, grazie per questa utile informazione.
    Mi è capitato di acquistare altri biscotti della linea verde, i chicchi di cioccolato e le gemme di grano: qual’è la situazione in questo caso?

  6. Avatar

    Ogni volta che leggo questi articoli, sono sempre più felice del fatto che a casa mia si consumano biscotti fatti da me. Una bontà assoluta. Anche se, devo confessare di avere anche io commesso l’errore di consumarli in grande quantità. A mio discapito posso dire che ero molto giovane e 40 anni addietro non esistevano le informazioni di oggi.
    Pertanto, consiglio a tutti di prepararli in casa o leggere bene le etichette.