Home / Lettere / Mozzarella di bufala con latte concentrato spedito all’estero: non si tratta di un kit, ma del trasferimento di conoscenze, precisa Ilc La Mediterranea

Mozzarella di bufala con latte concentrato spedito all’estero: non si tratta di un kit, ma del trasferimento di conoscenze, precisa Ilc La Mediterranea

mozzarella di bufala DOP
Mozzarella di bufala: Ilc La Mediterranea precisa che si tratta della vendita di materia prima e conoscenze

In merito all’articolo pubblicato da Il Fatto Alimentare sulla mozzarella di bufala DOP e l’utilizzo del latte congelato, abbiamo ricevuto una precisazione dall’ufficio stampa dell’azienda Ilc La Mediterranea, che produce e vende con il marchio Mandara.

 

Gentile Redazione,

vi chiediamo  l’occasione per chiarire ai vostri lettori un aspetto che è certamente importante per una più completa ed esaustiva comprensione dell’oggetto dell’articolo.

La “Ilc La Mediterranea” non offre un “kit” materiale come normalmente inteso, ma il prodotto “latte congelato” e il know-how per lavorarlo con gli opportuni fermenti lattici. Non dunque di un’attrezzatura tecnica si tratta, ma di un trasferimento di conoscenza da parte dei maestri casari alle aziende che acquistano il nostro prodotto per produrre una buona mozzarella di bufala.

Offriamo, per dirla in parole più semplici, l’ingrediente principale e la “ricetta” per la lavorazione che nasce da una ultraquarantennale esperienza nel settore caseario.

Ufficio Stampa

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Yogurt o skyr? Il nuovo latticino arriva dall’Islanda ma quali sono le sue caratteristiche?

Yogurt da bere, senza zucchero, alla greca, senza lattosio… L’offerta nel banco frigo è enorme …

Un commento

  1. Avatar

    Certo che questa azienda fa il suo mestiere e ci guadagna, ma nel lungo termine ci sarà un danno per l’esportazione di prodotto finito nazionale di qualità, e troveremo sicuramente sui mercati esteri marchi contraffatti dannosi per l’immagine del made in Italy.