Home / Etichette & Prodotti / Mozzarella di bufala campana Dop congelata! La proposta fa discutere. Il Consorzio di tutela propone alcune modifiche al disciplinare di produzione

Mozzarella di bufala campana Dop congelata! La proposta fa discutere. Il Consorzio di tutela propone alcune modifiche al disciplinare di produzione

Il Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana Dop ha proposto alle quattro Regioni interessate (Campania, Lazio, Puglia e Molise) di modificare il disciplinare di produzione della mozzarella di bufala, consentendo anche la commercializzazione di quella congelata. Lo scopo è ridurre i costi delle esportazioni, che così potrebbero avvenire anche via nave e non obbligatoriamente via aereo.

Oltre alla possibilità del congelamento, le modifiche al disciplinare proposte dal Consorzio di tutela della mozzarella di bufala prevedono l’eliminazione dell’attuale limite di peso fissato in 3 kg, il permesso  cdi variare le forme oltre a quella tradizionale, la commercializzazione del prodotto congelato senza liquido di governo e l’utilizzo anche come ingrediente per altri prodotti. “In questo modo – spiega il presidente del Consorzio di tutela Mimmo Raimondo – si potrebbe esportare il prodotto senza liquido di governo, passando da dieci euro al chilo a 50 centesimi. A poter essere congelato dovrebbe essere il prodotto finito e non il latte, che dovrebbe continuare ad essere prodotto in zona e utilizzato entro 60 ore dalla mungitura. Le novità che intendiamo introdurre hanno come obiettivo l’ammodernamento della filiera, lasciando intatta la tradizione”. Inoltre le modifiche consentirebbero l’ingresso nel canale della ristorazione della mozzarella di bufala sotto forma di pani da pizza. Infine, le modifiche proposte dal Consorzio prevedono che per la lavorazione della pasta si possa usare non solo acqua bollente ma anche il vapore.

Secondo Confagricoltura Campania, invece, la mozzarella di bufala campana Dop deve restare quella di sempre. Congelarla “sarebbe come vendere un ottimo Chianti Classico liofilizzato”.

Mozzarella di bufala
Commercializzare la mozzarella di bufala Dop congelata per ridurre i costi delle esportazioni

L’annuncio delle proposte di modifica al disciplinare da parte del Consorzio di tutela ha suscitato reazioni anche in parlamento, dove sono state presentate tre interrogazioni, che chiedono al ministero delle Politiche agricole di dichiarare la propria contrarietà, dopo che le quattro Regioni interessate avranno espresso il proprio parere. A una prima interrogazione di Colomba Mongello (Pd) ha fatto seguito quella sottoscritta da diciassette deputati del suo stesso gruppo, primo firmatario Renzo Carella, in cui si denuncia “un non nuovo tentativo di «industrializzare» questo antichissimo prodotto rurale del Mezzogiorno d’Italia, correndo il rischio di banalizzarlo, con grave danno soprattutto per gli allevatori di bufale che producono il latte”.

Anche ventotto senatori del M5S hanno presentato un’interrogazione, primo firmatario Sergio Puglia, affermando che “nessuna delle proposte rispetta le proprietà e la storia di questo antichissimo prodotto rurale del Mezzogiorno d’Italia” e sottolineando che, “se fosse legalizzato il metodo di congelamento della mozzarella, gli allevatori bufalini campani sarebbero soggetti ad offerte di prezzi più bassi del latte, da parte dei produttori, con gravi conseguenze sulla continuità di questo storico prodotto campano; inoltre, con tali modifiche del processo produttivo della mozzarella di bufala campana Dop si perdono le caratteristiche di formaggio fresco, comportando la massificazione del prodotto con la relativa dequalificazione”.

Attualmente, la produzione della mozzarella di bufala campana Dop coinvolge 345.000 capi di bufali e bufale mediterranee italiane in 1.371 allevamenti e 104 caseifici certificati, che nel 2016 hanno prodotto 44.270 tonnellate di mozzarella di bufala campana, di cui il 75% è stato venduto sul mercato nazionale e il 25% esportato.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

SENZA GLUTINE CELIACHIA

“Senza glutine” la scritta che si trova sui prodotti più impensabili. Un lettore chiede se è lecito

Perché alcuni prodotti naturalmente privi di glutine presentano il claim “senza glutine”? Se lo chiede …

2 Commenti

  1. Avatar

    Per capire l’anima truffaldina della proposta basta notare il fatto che non si è scelto di inserire in etichetta il termine congelato, come sarebbe giusto dato che le altre denominazioni sono tutte in italiano:
    Lavorata a mano
    Affumicata
    Esclusivamente per uso professionale – non destinato al consumatore finale
    Senza lattosio

    E lì in mezzo il termine frozen che ci azzecca come i famigerati cavoli a merenda. Si tenta così solo di fregare coloro che ignorano l’inglese, che non per questo meritano di essere fregati, ed in genere i consumatori meno attenti. La verità è che già ora si producono mozzarelle utilizzando latte o semilavorati congelati, e invece di combattere queste truffe il consorzio ci si butta a pesce cercando di entrare anche lui nel giro, mossa molto furba devo dire, complimenti vivissimi.

  2. Avatar

    In pratica il Consorzio di NON TUTELA della mozzarella di bufala vuol permettere di fare un prodotto molto simile alle sue imitazioni. Concordo che, al contrario, un Capitolato di Tutela non dovrebbe consentire di produrre mozzarella di bufala con latte congelato o aberrazioni del genere. Questo spiega perché faccio chilometri per comprare la mozzarella là dove, finito il latte delle sue bufale, il proprietario del caseificio non produce più nulla. È questo già alle 10 di ogni mattina.