Home / Lettere / La mozzarella di bufala si apre troppo facilmente: segnala un lettore. La risposta del Consorzio

La mozzarella di bufala si apre troppo facilmente: segnala un lettore. La risposta del Consorzio

La mozzarella è tra gli alimenti più amati sia all’estero che in Italia, e ormai la troviamo declinata in differenti formati, gusti e composizioni. Quella di bufala campana ha un procedimento che è normato dal disciplinare del Consorzio, nel quale si trovano indicazioni anche per le confezioni. Un lettore ha condiviso le sue perplessità sul vasetto venduto da Penny Market. A seguire la risposta del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP.

I bocconcini di mozzarella di bufala campana DOP (500 grammi) sono tra i miei formaggi preferiti, di solito li compero da Lidl, da Eurospin o da Penny Market. Quasi sempre sono perfette, a volte invece hanno un sapore “forte”, nonostante una scadenza non ancora sorpassata. Il prodotto di Lidl ha sì un leggerissimo coperchio di plastica trasparente ma poi sotto ha un membrana di plastica saldata sul barattolo, mi pare di ricordare che anche quello di Eurospin sia fatto così (dico “mi pare” perché è passato del tempo dall’ultima volta, da un po’ non le vendono più in questo formato), mentre quello a marchio ValBontà di Penny Market non ha alcuna membrana di plastica saldata ma solo un coperchio di plastica di media robustezza e neanche tanto sigillante. Questa si apre semplicemente. È vero che ha una “tacca” da rompere sul bordo del coperchio per facilitare l’apertura ma, a parte il fatto che basta sforzarlo oppure ovalizzare il barattolo per vederlo volare via, questo non impedisce l’introduzione di aria o qualunque altra cosa nel liquido che conserva le mozzarelle, anche involontariamente. Temo sia questo il problema del sapore a volte un po’ strano. Non credo che debbano continuare a commercializzare questo prodotto con una chiusura tanto poco affidabile per la sicurezza alimentare. Allego tre foto: 1) si vede il prodotto chiuso con la tacca già rotta per poter sollevare bene il coperchio si noti la scadenza non ancora sorpassata, 2) coperchio semi-aperto dove si può notare il piccolo “gradino” dell’incastro della chiusura e 3) barattolo aperto con retro del coperto posato accanto. Il prodotto fotografato di Penny Market a marchio ValBontà è fatto in questo caso da Latteria Diana Srl di Padula (SA). Fabio

Di seguito la risposta del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP

Il prodotto in questione effettivamente non prevede un film pelabile sull’estremità ma una semplice tecnologia a pressione con sigillo di garanzia, ovvero quando il tappo è riposto sul coperchio, nella sua giusta posizione e con una semplice pressione dello stesso, si realizza un corretto confezionamento non manomettibile. La confezione senza la linguetta non è vendibile in quanto ipoteticamente, come fa del resto il lettore, è manomettibile. Di solito le plastiche e le case fornitrici di questi imballaggi primari garantiscono standard efficaci di sicurezza ma, talvolta, alcuni lotti potrebbero non corrispondere ai requisiti di capitolato. In quest’ultimo periodo i costruttori, per questioni legate anche alla sostenibilità ambientale, tendono a diminuire la densità dei polimeri che costituiscono le plastiche e di conseguenza i barattoli, come descritto anche dal lettore, possono, a seguito di una pressione, comunque non lieve, “esplodere”. Se integra, comunque, la confezione non comporta conseguenze sulla qualità del prodotto.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Activia di Danone: dov’è prodotto? “L’origine è indicata in etichetta” risponde l’azienda

I consumatori sono sempre più attenti all’origine dei prodotti e a volte vorrebbero poter leggere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *