Home / Pubblicità & Bufale / La pubblicità del “primo mental drink” cita in modo impreciso Il Fatto Alimentare. Facciamo chiarezza

La pubblicità del “primo mental drink” cita in modo impreciso Il Fatto Alimentare. Facciamo chiarezza

naturalboom mental drink rivista 2018Su una rivista ho trovato una pubblicità di una “bevanda funzionale” prodotta dalla NaturalBoom, descritta come “il primo mental drink” (vedi foto). Vi scrivo perché mi ha colpito una frase attribuita a ilfattoalimentare.it che recita: “A partire dal 2019 non potranno più essere vendute all’interno delle strutture scolastiche quali elementari, medie e superiori bevande ipercaloriche”. L’asterisco rimanda a un vostro articolo del 2017. Interessata l’ho letto l’articolo senza però trovare coincidenza con quanto riportato dalla pubblicità. Sapreste dirmi come mai? Sonia

Gentilissima Sonia,
grazie per averci segnalato questa pubblicità con il riferimento al nostro articoloStop alle bibite zuccherate nelle scuole secondarie dell’Ue. Iniziativa volontaria dei produttori. Però non toccano la pubblicità rivolta a bambini e adolescenti”. Come ha giustamente notato anche lei, il contenuto del testo è diverso da quanto riportato nella pubblicità della “bevanda funzionale”. Noi avevamo scritto che dal “2019, le aziende aderenti a Unesda – tra cui Coca-Cola, Fanta, Lipton, Oasis, Orangina, Pepsi, Schweppes e Sprite – venderanno nelle scuole secondarie europee solo bibite a ridotto contenuto calorico o senza calorie, oltre alle bottigliette di acqua”.

mental drinkSi tratta quindi di un’iniziativa volontaria dei produttori e non di un divieto, come lascia intendere la pubblicità (di cui non eravamo a conoscenza). Inoltre l’azienda, oltre a citare la fonte in maniera imprecisa, non ci ha avvisati di voler utilizzare il nostro contributo per fini commerciali.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

cartellone panzironi life120day

L’Ordine dei medici contro il Life120Day di Panzironi: “Non si gioca con la salute”. Critiche anche da Walter Ricciardi: “È roba da Far West”

Dopo la nostra segnalazione l’Ordine dei medici è sceso in campo contro il ‘Life120Day’, la …