Home / Pubblicità & Bufale / La vera storia della mela e della cera, intervista a Martin Siller e Alessandro Pulga. Stop alle bufale in rete sui prodotti biologici

La vera storia della mela e della cera, intervista a Martin Siller e Alessandro Pulga. Stop alle bufale in rete sui prodotti biologici

mela e cera bufala
Ilfattoalimentare ha pubblicato due articoli che spiegano perché alcuni tipi di mele hanno naturalmente uno strato di cera all’esterno

Il video della mela biologica che contiene all’esterno uno strato di cera (guarda video) gira da mesi in rete. Si tratta di una bufala che però continua a macinare migliaia di visualizzazioni. Nel filmato il “presentatore” gratta dalla superficie di una mela biologica Esselunga una sostanza biancastra che a prima vista sembra cera. Dopo averne raccolta un po’ decide di bruciarla, sottolineando lo strano odore di paraffina e lasciando intendere strani trattamenti realizzati dopo la raccolta per migliorare l’aspetto del frutto.

 

Abbiamo già pubblicato due  articoli  con il parere di agronomi ed esperti che spiegano perché alcuni tipi di mele hanno naturalmente uno strato di cera all’esterno.Adesso vi proponiamo un video girato alla fiera del BioFach in Germania da Biobank , dove  Martin Siller, fondatore e socio di Bioexpress  spiega in modo semplice la vera storia della cera prodotta dalla mela stessa per “proteggersi”.

 

In rete si trova anche un altro filmato dove Alessandro Pulga, responsabile del Comitato di certificazione del biologico ICEA, spiega  tutti i falsi misteri della cera presente sulle mele.

 

 

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione per chiedere che sulle etichette dei prodotti alimentari rimanga l’indicazione dello stabilimento di produzione

Per sottoscrivere clicca qui

stabilimento produzione petizione

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Integratori alimentari, lo Iap censura le pubblicità di Mavosten, Normolip 5 e Ansiolev. Suggerivano effetti tipici dei farmaci

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con l’ingiunzione numero 26/20 del 5 giugno 2020 …

Un commento

  1. Avatar
    Giancarlo Curzel

    Mio nonno, melicoltore dall’epoca che qui in Trentino comandava Francesco Giuseppe, avrebbe saputo dire le stesse cose. Invece di bufala, avrebbe detto Quatsch!