Home / Recensioni & Eventi / Master in “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati alimentari”: il nuovo corso dell’Università di Milano Bicocca

Master in “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati alimentari”: il nuovo corso dell’Università di Milano Bicocca

studenti universita scuola MasterAl via il master di primo livello “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati alimentari” promosso dall’Università degli studi di Milano Bicocca, per l’anno accademico 2019/2020.

Il corso punta a formare esperti di filiere e sistemi alimentari capaci di coniugare competenze tecniche (project management, food marketing, aspetti normativi, rudimenti di comunicazione) ad un approccio critico orientato dalla tradizione delle scienze sociali (antropologia, sociologia, economia, storia, politiche, diritto).

La didattica è pianificata in lezioni di tipo tradizionale, affiancate a laboratori tematici e tecnici, strutturati in maniera interattiva per stimolare senso critico e capacità decisionali dei partecipanti.

Il master presenta numerose partnership sia con realtà istituzionali locali – a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale – sia con istituzioni private come la ristorazione collettiva, la grande distribuzione, i gruppi industriali e la piccola e media impresa e le organizzazioni di utilità sociale operanti nel settore alimentare.

Il corso è destinato a giovani laureati di tutte le discipline interessati a lavorare nell’ambito di iniziative, progetti e investimenti nel settore alimentare, ma anche a tutte le figure già operanti nel mondo dell’industria alimentare. Il master ha una finalità  prevede una formazione con una forte componente pratica/applicativa.

Per tutte le info vedere qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Different water bottles for sports on color background

A scuola si combatte la plastica: borracce agli studenti in molti comuni italiani

In tutta Italia prende sempre più piede la distribuzione delle borracce nelle scuole. Ecco dunque …