Home / Allerta / Stop alla vendita in UE per un modello di mascherine lavabili Under Armour: contengono una sostanza pericolosa

Stop alla vendita in UE per un modello di mascherine lavabili Under Armour: contengono una sostanza pericolosa

Stop alla vendita e ritiro dal mercato europeo per le mascherine lavabili Sportsmask a marchio Under Armour, noto brand di abbigliamento sportivo. Il motivo? Secondo analisi condotte dalle autorità in Belgio, il prodotto in questione contiene poliesanide (Phmb), una sostanza che, si legge nell’allerta Rapex (*) del 23 aprile, può causare reazioni allergiche cutanee ed è pericolosa se inalata, danneggiando l’organismo in seguito a esposizioni ripetute. Si sospetta anche che il Phmb sia cancerogeno. Un grave problema per una mascherina riutilizzabile.

Per questa ragione, le autorità europee hanno dichiarato che le mascherine non sono conformi al Regolamento europeo sui biocidi e anche alla Direttiva generale sulla sicurezza dei prodotti. Il modello ritirato dal mercato è la Sportsmask a triplo strato di colore nero, con elastici neri e il logo del marchio Under Armour in bianco (modello SKU td_90.22881) con il numero di lotto 1368010-002. La mascherina è venduta in una confezione di plastica nera opaca. È disponibile anche di colore grigio, nelle taglie S/M, M/L, L/XL e XL/XXL.

Le mascherine in questione non sono più in vendita nel negozio online dell’azienda e sono state ritirate dal mercato già nel mese di Marzo. Tuttavia, come segnala Altroconsumo, risultano ancora disponibili su altri siti di e-commerce. L’associazione fa notare anche che sul sito del marchio non è presente alcun avviso ai consumatori, né indicazioni di non utilizzare le mascherine ritirate. Al momento, l’allerta non è presente nemmeno nella sezione Rapex del portale dedicato agli avvisi di sicurezza del ministero della Salute.

(*) Nota: il Rapex è il sistema europeo di allerta rapida per i prodotti non alimentari pericolosi

© Riproduzione riservata Foto: Rapex

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Würstel mangiati “crudi”: 3 morti e 71 persone colpite. È allerta nei supermercati. Fra le marche coinvolte Wudy Aia. Articolo aggiornato

La notizia di tre persone morte in Italia a per avere mangiato würstel crudi contaminati da …