Home / Etichette & Prodotti / Tanti marchi, pochissime multinazionali. Molti tra i brand più noti nelle mani di colossi come Nestlé, Unilever e Mondelēz

Tanti marchi, pochissime multinazionali. Molti tra i brand più noti nelle mani di colossi come Nestlé, Unilever e Mondelēz

Happy young woman chooses flakes in a supermarket and smiles. A joyful buyer buys products in a supermarket. A girl with packs of quick breakfasts in the hands of the storeOgni volta che entriamo in un supermercato, siamo circondati da migliaia di prodotti di centinaia di marchi diversi, più o meno famosi, vecchi e nuovi. Eppure se facciamo attenzione e leggiamo bene le etichette possiamo scoprire che molti prodotti di maca sono di proprietà di una manciata di multinazionali. Ecco alcuni esempi.

Se ci limitiamo a spulciare le etichette dei prodotti alimentari, a fare la parte del leone è sicuramente la svizzera Nestlé, proprietaria di una quarantina di marchi che spaziano dai dolci al cibo per animali. Per esempio sugli scaffali dei caffè solubili e delle capsule abbiamo i famosi brand Nescafé, Dolce Gusto e Nespresso, mentre tra le bevande troviamo Nestea e Sanbitter. Nestlé è famosa anche per le sue minerali, tra cui spiccano Levissima, Acqua Panna, Acqua Vera e lo storico marchio S. Pellegrino.

Nestle S.A.
Tra i prodotti alimentari Nestlé è la multinazionale che spicca per numero di marchi

Passando al reparto della cioccolata e dei dolci, oltre ai prodotti targati Nestlé, troviamo marchi come Lion, Galak, Smarties e, soprattutto, il brand italiano Perugina. Tra i cereali da colazione, invece, ci sono per esempio i Cheerios, i Chocapic, e i Fitness. C’è poi il marchio Nesquik, con prodotti che vanno dal cacao solubile agli snack. Nel banco frigo troviamo gli yogurt LC1 e Sveltesse mentre nel reparto gelati i marchi Motta e Antica Gelateria del Corso (formalmente di Froneri, una joint venture di cui fa parte la stessa Nestlé). Un altro marchio italiano finito nelle mani del gigante svizzero è Buitoni, mentre nel reparto baby food Nestlé è presente con il latte in polvere Nidina, Fruttolo e il formaggino Mio. Mancano all’appello solo i numerosi marchi di cibo per animali.

Sono meno numerosi, ma non meno noti i marchi posseduti dalla multinazionale americana Mondelēz, titolare di iconici brand di cioccolata come Toblerone e Milka, dei biscotti LU e dei bastoncini Mikado, degli Oreo e degli Oro Saiwa. Sullo scaffale degli snack salati troviamo invece i Tuc e i Ritz, mentre nel banco frigo Mondelēz propone i formaggi Philadelphia in tutte le loro varianti e le Sottilette.

cornetto algida
Cornetto è uno dei marchi di gelato della multinazionale anglo-olandese Unilever

Unilever, multinazionale anglo-olandese, domina nel reparto freezer con i suoi gelati, grazie a brand come Algida, Cornetto e Carte D’Or, ma è presente anche tra le salse e i condimenti con Calvé, Knorr e Bertolli (ma non l’olio, che è di proprietà della spagnola Deoleo). Non dimentichiamoci poi dei tè Lipton, sia in bustina che in bottiglia.

Danone regna nei banchi frigo tra yogurt e dessert con marchi come Vitasnella, Activia, Actimel, Danette e Danacol. L’azienda francese è anche titolare del brand di bevande vegetali e sostituti degli yogurt Alpro e di quelli di prodotti per l’infanzia Mellin e Aptamil.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Castagne italiane: la difficile ripresa di un settore d’eccellenza minacciato da parassiti e abbandono

Con la stagione fredda viene voglia di castagne: adesso che dobbiamo limitare gli spostamenti, l’ideale …

Un commento

  1. Avatar

    direi che consumo solo molto saltuariamente prodotti Motta