Home / Allerta / 180 morti in Sudafrica a causa di salsicce contaminate dalla Listeria. Individuata la fonte del focolaio

180 morti in Sudafrica a causa di salsicce contaminate dalla Listeria. Individuata la fonte del focolaio

salsiccia salsicce wurstel carne proteine listeriaTra il gennaio 2017 e il 2 marzo 2018, in Sudafrica le analisi di laboratorio hanno confermato 948 casi di persone contaminate dal batterio della Listeria, con 659 ricoveri in ospedale e 180 decessi. Un tasso di mortalità del 27%. È questo il bilancio, ancora provvisorio, della più grave epidemia di listeriosi mai registrata, fatto dal ministro della salute sudafricano Aaron Motsoaledi. Le autorità sanitarie hanno intervistato 109 persone colpite dall’infezione, per ricostruire cosa avessero mangiato nel mese precedente. L’85%  ha indicato di aver consumato prodotti a base di carne lavorata, con in testa le grandi salsicce di carne denominate polony, molto popolari in Sudafrica, seguite dalle salsicce di Vienna e altre carni fredde.

La tipologia di batterio è stata stabilita dopo che il 12 gennaio scorso nove bambini di un asilo di Soweto si sono sentiti male. Il focolaio dell’epidemia di listeriosi è stato individuato in un impianto della Enterprise Foods, a Polokwane, uno dei maggiori produttori alimentari sudafricani, dove il batterio della Listeria è stato rinvenuto nel 30% dei campioni esaminati. Diversi prodotti a base di carne contaminati dalla Listeria monocytogenes stati rilevati anche in un’altra struttura della Enterprise Foods, a Germiston, ma il tipo di sequenza del batterio non è ancora noto.

Oltre il 10% dei campioni di carne analizzati sono risultati contaminati anche in un impianto di un altro produttore, RCL Foods, a Wolwehoek, ma il tipo di sequenza del batterio è risultato diverso da quello che ha colpito i bambini di Soweto.

A questo punto è iniziato il ritiro dei prodotti dagli scaffali, ed è stata interrotta la produzione negli impianti incriminati e i cittadini sono stati invitati a non mangiare prodotti a base di carne pronta per il consumo. L’allarme si è esteso anche ai paesi vicini e lo Zambia ha deciso l’interruzione delle importazioni dal Sudafrica di alcuni prodotti alimentari, tra cui carni lavorate, verdure e prodotti caseari, rimuovendoli anche dagli scaffali.

L’infezione provocata da batterio Listeria monocytogenes si manifesta con sintomi gastrointestinali ma in soggetti immunodepressi o affetti da patologie croniche può determinare conseguenze più gravi, come sepsi e meningite.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

lasagne pasta carboidrati gramma

Pasta di lenticchie richiamata per presenza di glutine e ocratossina A in paprica dolce… Ritirati dal mercato europeo 68 prodotti

Nella settimana n°20 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …