;
Home / Allerta / Listeria in salmone affumicato e Salmonella in complementi per cani e gatti… Ritirati dal mercato europeo 48 prodotti

Listeria in salmone affumicato e Salmonella in complementi per cani e gatti… Ritirati dal mercato europeo 48 prodotti

Nella settimana n°38 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 48 (4 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende quattro casi: Listeria monocytogenes in salmone affumicato e refrigerato, dalla Danimarca; presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in carne di manzo refrigerata sottovuoto proveniente dalla Francia; Salmonella in mangime complementare per cani e gatti dalla Germania; conteggio troppo elevato di Escherichia coli in ostriche vive (Crassostrea gigas) dall’Italia.

salmone affumicato Listeria
Listeria monocytogenes in salmone affumicato e refrigerato, dalla Danimarca

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: tracce di soia in biscotti di farina d’avena senza glutine al cocco, cioccolato e arancia e mirtillo e cioccolato dalla Bulgaria.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Salmonella in carne di pollo (csm) dalla Polonia e cadmio in calamaro indiano… Ritirati dal mercato europeo 88 prodotti

Nella settimana n°28 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

3 Commenti

  1. Avatar

    La traduzione del complementi per cani o gatti o mangime complementare è errata.
    Trattasi di integratori (per mangime).
    Tutti a fare esami a Perugia.

    • Valeria Nardi

      “All’articolo 2 del Decreto Legislativo n° 169 del 21 Maggio 2004 viene dichiarato che: ai fini del presente decreto si intendono per «integratori alimentari» i prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare ma non in via esclusiva aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate. I termini: «complemento alimentare» o: «supplemento alimentare» sono da intendersi come sinonimi di: «integratore alimentare».”
      Questa si riferisce all’alimentazione umana, chiaramente, ma non conoscendo il tipo di “integratore” non vedo cosa ci sia di sbagliato nell’uso del termine complemento, visto che appunto “completa” la normale dieta dell’animale.

  2. Avatar

    Potrei quasi darle ragione.
    Infatti ai tempi dell’università so di colleghi che davano il Ciappi al posto del ragu ad un elemento non proprio simpatico.
    Inoltre la nutrizionale dei mangimi è nata prima di quella degli alimenti e ne è stata il modello insuperato.
    Il problema è complesso: la definizione legale potrebbe non essere un termine semanticamente corretto; gli alimenti forse non hanno gli stessi problemi di mangimi (anche se le analisi microbiologiche di riferimento si basano sugli stessi metodi); la traduzione dall’inglese delle allerte è fatta da un traduttore non da un tecnico (sui regolamenti è scritto che l’unica versione legale è quella in inglese, le traduzioni sono una comodità, spesso fuorviante).