Home / Etichette & Prodotti / Latte fresco o in polvere. Come capire quale tipo è stato impiegato, leggendo l`etichetta

Latte fresco o in polvere. Come capire quale tipo è stato impiegato, leggendo l`etichetta

Leggendo l’elenco degli ingredienti contenuti nei prodotti alimentari ho notato che alcune aziende specificano se le uova o il latte sono freschi o in polvere. Ma quando viene riportato solo la parola “latte” cosa devo intendere? Non esiste una normativa che obblighi a specificare la tipologia impiegata?

Paola

 

 

Gentile Paola,

vale anzitutto la pena chiarire che in Italia non è ammesso l’utilizzo di latte in polvere per realizzare prodotti lattiero-caseari. Quindi la parola ‘latte’ – ove riportata sulle etichette di latte, yogurt, formaggi e su tutti gli altri prodotti lattiero-caseari – significa proprio latte, latte liquido. Ciò detto, è ben possibile usare latte o uova in polvere nella preparazione di prodotti diversi da quelli sopra citati.

 

In linea generale, la denominazione di vendita degli alimenti “comporta un’indicazione relativa allo stato fisico o al trattamento a cui è stato sottoposto (ad esempio: in polvere, concentrato, liofilizzato, surgelato, affumicato) quando l’omissione di questa  indicazione può creare confusione nell’acquirente” (d.lgs. 109/92, art. 4, comma 3).

 

Tuttavia, “nel caso di ingredienti utilizzati in forma concentrata o disidratata e ricostituiti al momento della fabbricazione, l’indicazione può avvenire nell’elenco in base al loro peso prima della concentrazione o della disidratazione con la denominazione originaria” (d.lgs. 109/92, art. 5, comma 6). In altre parole la citazione ‘latte’, nella lista ingredienti di un prodotto diverso da quelli lattiero-caseari, può rappresentare sia il latte liquido che quello in polvere e ricostituito.

 

La differenza essenziale tra un prodotto liquido o in polvere utilizzati come ingredienti di altro alimento (come nel caso di prodotti da forno o di gastronomia), è il contenuto d’acqua. La qualità è correlata al tenore di nutrienti e micro-nutrienti (come nel caso del latte, proteine, grassi, calcio, vitamine) e non da quello dell’acqua. Per questo motivo il legislatore europeo non ha previsto precisazioni più specifiche.

 

Colgo l’occasione per spezzare una lancia a favore dell’utilizzo di latte in polvere come ingrediente nei prodotti sottoposti a cottura, grazie alla riduzione di peso e volume, un autoarticolato può trasportare l’equivalente di 5-6 camion-cisterna. L’ambiente apprezza.

 

Dario Dongo

Foto: Photos.com

 

Guarda qui

Three frozen ice cream desserts in sugar cones

Gelati industriali: prodotti ultra-trasformati pieni di grassi, zuccheri e additivi, fatti con ingredienti poco pregiati. Il confronto tra coni

Ad una delle sue ‘fanciulle in fiore’ Proust fa dire “per quanto riguarda i gelati …