Home / Etichette & Prodotti / Ketchup Calvé: più di 10 zollette in un tubetto. La salsa contiene troppo zucchero e sale

Ketchup Calvé: più di 10 zollette in un tubetto. La salsa contiene troppo zucchero e sale

ketchup calve zollette zucchero Ketchup Calvé: quante zollette di zucchero ci sono in un tubetto da 250 ml? Dalle indicazioni riportate sull’etichetta si tratta di 10,5 zollette da 5 g, pari a 52,5 g come mostra la fotografia. Certo nessuno mangia un tubetto di ketchup, ma sapere che il 20% della ricetta è composto da zucchero fa sempre un certo effetto. Non tutte le salse sono così. Sugli scaffali dei supermercati si trovano ketchup che ne hanno il 30-50% in meno.

L’etichetta a semaforo Nutri-Score infatti attribuisce al prodotto il colore arancione per l’eccessiva presenza di zucchero e di sale (2 g per 100 g).

Lo zucchero aggiunto agli alimenti è ritenuto una delle cause di obesità. Secondo l’Oms, per abbassare il rischio di serie patologie croniche gli zuccheri semplici aggiunti (*) non devono superare il 10% delle calorie giornaliere. Per un adulto vuol dire circa 50 grammi al giorno, corrispondenti a 10 zollette. Oggi si trova moltissimi alimenti anche in quantità elevata come in questo caso. Nella lista ci sono cibi insospettabili come zuppe, salse e conserve.

Segnalateci i prodotti che ne contengono tanto.

(*) Gli zuccheri aggiunti o zuccheri liberi sono quelli contenuti in alimenti e bevande zuccherate, miele, sciroppi, succhi di frutta da concentrato, e succhi/spremute/centrifughe/estratti anche 100% di frutta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Close up photo of charming lovely hipster playing with cakes pies candies in kitchen preparing for birthday dressed in white woolen pullover isolated over colorful background

Ma esiste davvero un biscotto sano? Altroconsumo analizza 168 prodotti tra frollini, biscotti secchi, integrali e ‘senza’

C’è chi i biscotti preferisce mangiarli a colazione, chi li accompagna al classico tè delle …

3 Commenti

  1. Avatar

    Giusto l’altro giorno discussione con mia mamma che, quando ho detto che nel caffè non metto lo zucchero, ha esordito con il classico “l’hanno detto in tv” seguito poi da “lo zucchero serve a far funzionare il cervello”.

    Non è così, mettiamocelo in testa, tanto più considerando che questa linea di pensiero arriva dall’associazione che riunisce i produttori di alimenti ben più che zuccherati. Conflitto di interessi? 😉

    • Avatar

      Precisiamo. Forse lo zucchero non è indispensabile, ma il glucosio si… Quando il cervello ha bisogno di energia, si basa esclusivamente sul tipo di energia rapida dei carboidrati (gli zuccheri semplici) e in particolare uno zucchero specifico chiamato glucosio. Il 99% dell’energia cerebrale deriva dal glucosio in condizioni fisiologiche normali. Quindi, uno può fare a meno dello zucchero nel caffè, ma non può non introdurre altri tipi di carboidrati

  2. Avatar

    Un altro paio di precisazioni: il cervello ha bisogno sempre della stessa energia, non cambia la richiesta in relazione alla maggiore o minore attività cerebrale (come si verifica, invece, in quella muscolare) e, come giustamente ricordato sopra, consuma glucosio.

    Altra precisazione, il comune zucchero da cucina è il saccarosio che appartiene al gruppo dei disaccaridi, ossia è composto dall’unione di 2 monosaccaridi: glucosio + fruttosio. Assumendo saccarosio si assume di conseguenza anche glucosio.