Home / Tecnologia e Test / Ecco Junker, l’app per fare la raccolta differenziata senza errori. L’idea di una start up italiana

Ecco Junker, l’app per fare la raccolta differenziata senza errori. L’idea di una start up italiana

junker app raccolta differenziata imballaggiTra plastica, carta e materiali misti, non è sempre facile separare correttamente le confezioni e gli imballaggi dei prodotti alimentari venduti al supermercato. Mentre alcune aziende più attente all’ambiente semplificano il compito dei consumatori indicando precisamente sulle etichette come smaltire le confezioni, altre si limitano a indicare i simboli e le sigle dei materiali.

Per aiutare i cittadini a fare correttamente la raccolta differenziata è nata Junker, un’applicazione gratuita per Android e iOs, creata dalla start up Giunko, che spiega in modo chiaro e veloce come smaltire gli imballaggi. L’app riconosce direttamente i prodotti scansionando il codice a barre con la fotocamera dello smartphone e indica dove gettare  le varie parti della confezione. Al momento, il database di Junker conta oltre un milione di prodotti: per quelli mancanti, è sufficiente inviare una foto ai creatori attraverso l’app, che provvederanno ad aggiungerla con le informazioni relative allo smaltimento.

In assenza di confezioni e codici a barre, sull’app è possibile anche cercare informazioni sulla raccolta di  altre categorie di prodotti, dai piatti in ceramica alle vecchie lampadine alogene, e sui loghi utilizzati sulle etichette  per indicare i diversi tipi di materiale, come Pet e MaterBi.

Se il proprio Comune di residenza collabora con la start up, l’app fornisce informazioni ancora più precise sullo smaltimento (alcuni materiali possono essere raccolti in maniera diversa da città a città), oltre al calendario e alle zone di raccolta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Feel the Peel juice bar economia circolare arance spremute

Economia circolare: nel juice bar sperimentale di CRA ed Eni, le bucce delle arance si trasformano in bicchieri per la spremuta

Che fine fanno le bucce di tutte le arance che spremiamo, a casa o al …

Un commento

  1. Avatar

    La uso da tempo ed è una delle App più utili che ci siano, tanto più considerando le indicazioni fuorvianti che danno i vari Consorzi di raccolta.
    Vedi: https://paoblog.net/2018/05/31/rifiuti-82/