Home / Tecnologia e Test / Ecco Junker, l’app per fare la raccolta differenziata senza errori. L’idea di una start up italiana

Ecco Junker, l’app per fare la raccolta differenziata senza errori. L’idea di una start up italiana

junker app raccolta differenziata imballaggiTra plastica, carta e materiali misti, non è sempre facile separare correttamente le confezioni e gli imballaggi dei prodotti alimentari venduti al supermercato. Mentre alcune aziende più attente all’ambiente semplificano il compito dei consumatori indicando precisamente sulle etichette come smaltire le confezioni, altre si limitano a indicare i simboli e le sigle dei materiali.

Per aiutare i cittadini a fare correttamente la raccolta differenziata è nata Junker, un’applicazione gratuita per Android e iOs, creata dalla start up Giunko, che spiega in modo chiaro e veloce come smaltire gli imballaggi. L’app riconosce direttamente i prodotti scansionando il codice a barre con la fotocamera dello smartphone e indica dove gettare  le varie parti della confezione. Al momento, il database di Junker conta oltre un milione di prodotti: per quelli mancanti, è sufficiente inviare una foto ai creatori attraverso l’app, che provvederanno ad aggiungerla con le informazioni relative allo smaltimento.

In assenza di confezioni e codici a barre, sull’app è possibile anche cercare informazioni sulla raccolta di  altre categorie di prodotti, dai piatti in ceramica alle vecchie lampadine alogene, e sui loghi utilizzati sulle etichette  per indicare i diversi tipi di materiale, come Pet e MaterBi.

Se il proprio Comune di residenza collabora con la start up, l’app fornisce informazioni ancora più precise sullo smaltimento (alcuni materiali possono essere raccolti in maniera diversa da città a città), oltre al calendario e alle zone di raccolta.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Nuovo spazio e sostegno alle start up agroalimentari con il progetto Agrofood Bic

Agrofood Bic è un  polo creato da un gruppo di aziende che ruotano intorno al …

Un commento

  1. La uso da tempo ed è una delle App più utili che ci siano, tanto più considerando le indicazioni fuorvianti che danno i vari Consorzi di raccolta.
    Vedi: https://paoblog.net/2018/05/31/rifiuti-82/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *