Home / Allerta / Interferenti endocrini: il bisfenolo A (Bpa) può danneggiare la fertilità. Uno studio lo trova in alte concentrazioni nei romani

Interferenti endocrini: il bisfenolo A (Bpa) può danneggiare la fertilità. Uno studio lo trova in alte concentrazioni nei romani

Interferenti endocriniGli interferenti endocrini sono sostanze capaci di avere effetti sul metabolismo ormonale e negli equilibri degli ormoni sessuali con conseguenze dannose sul sistema riproduttivo. Se ne è parlato a Roma il 25 ottobre all’Università La Sapienza Sapienza, in occasione del convegno “Ambiente è salute”, dove sono stati presentati ufficialmente i risultati dello studio Previeni.

Lo studio è stato realizzato in alcune aree pilota e ha valutato i riflessi ambientali e sanitari dei contaminanti chimici classificati come interferenti endocrini (IE), sempre più diffusi nell’ambiente. Il progetto ha una durata triennale ed è stato finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. L’attenzione dei ricercatori si è concentrata sui livelli di esposizione di questi composti in aree rappresentative di diverse realtà: un territorio prevalentemente agricolo come nel basso Lazio, una grande città come Roma e un centro urbano più piccolo come Ferrara.

Lo studio Previeni ha evidenziato a Roma la più elevata concentrazione di bisfenolo A (Bpa), sia nella popolazione femminile che in quella maschile. Al contrario, i residenti nel basso Lazio presentano una concentrazione di acido perfluoroctanoico (Pfoa) superiore rispetto alle altre due aree. Nel liquido seminale la sostanza maggiormente presente è lo Pfoa, con picchi maggiori negli uomini residenti nel basso Lazio. La più alta concentrazione di ftalati (Mehp e Dehp) si osserva a Roma per quanto riguarda la popolazione femminile, e a Ferrara per gli uomini.

La questione è molto delicata per gli effetti sul sistema riproduttivo. Le molecole in grado di influenzare il sistema endocrino possono agire in tanti modi e riuscire a mimare, bloccare o scatenare una risposta cellulare, interferendo con la funzione di numerosi recettori ormonali.

Questo meccanismo è in grado di favorire una risposta errata dell’organismo in termini di quantità, qualità e tempistica. Per esempio, durante la gravidanza l’attività ormonale programma lo sviluppo di organi e tessuti del feto che, però, non è ancora dotato di un adeguato meccanismo di detossificazione dei composti che possono essere trasmessi dalla madre attraverso la placenta. Un’eventuale interferenza endocrina può provocare uno sviluppo inadeguato, e causare un’alterazione che si manifesterà più avanti nel corso della vita del nascituro sul sistema riproduttivo, neuroendocrino e immunitario.

L’attenzione crescente della comunità scientifica internazionale sugli interferenti endocrini ha prodotto anche studi su modelli animali, per cercare di comprendere i meccanismi molecolari collegati a patologie del metabolismo, come diabete e obesità.

Questo nuovo campo di ricerca si chiama Developmental Origins of Health and disease (Dohad) ed è stato ampiamente dibattuto in occasione del workshop internazionale “The Obese Species”, dal 23-26 ottobre 2011 all’Ettore Majorana Foundation and International Centre for Scientific Culture di Erice.

In particolare Jerry Heindel (US) con il suo intervento “Developmental basis of disease: Obesogen hypothesis” ha illustrato perché le molecole elencate sopra sono definite obesogene. Il Frederick Vom Saal (US) con l’intervento “Bisphenol A, obesity and metabolic syndrome” ha portato altre evidenze sperimentali e dati di studi condotti sull’uomo in cui si è confermato che l’esposizione agli IE durante lo sviluppo può influenzare l’incremento ponderale durante l’età pediatrica.

Gianna Ferretti

foto: Photos.com

Per saperne di più

Articoli: Istituto Superiore di Sanità. Nature. Efsa

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

at the doctors office

Principio attivo del Viagra in integratore alimentare e pasta infestata da insetti… Ritirati dal mercato europeo 61 prodotti

Nella settimana n°42 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …