Home / Pubblicità & Bufale / Instagram e Facebook mettono un freno alle pubblicità di prodotti dimagranti. Ma solo dopo segnalazioni degli utenti…

Instagram e Facebook mettono un freno alle pubblicità di prodotti dimagranti. Ma solo dopo segnalazioni degli utenti…

food blogger influencer InstagramInstagram e Facebook cercano di mettere un freno alle pubblicità dei prodotti dimagranti, sempre più spesso sponsorizzati da influencer e celebrità attraverso post, foto e stories. La decisione, che riguarda anche la chirurgia estetica, è stata annunciata sulle pagine del quotidiano The Guardian, ed è arrivata dopo le numerose critiche ai social per l’impatto che il bombardamento continuo di post promozionali di pasti sostitutivi, tè detox e regimi dietetici può avere sulla salute degli utenti, soprattutto dei più giovani.

Secondo le nuove regole, i post – stories comprese – che pubblicizzano prodotti dimagranti, se includono codici sconto e incentivi all’acquisto, o ne indicano il prezzo, non saranno più mostrati agli utenti di età inferiore ai 18 anni. Inoltre, tutti i post che fanno affermazioni miracolose o esagerate sulle proprietà dei prodotti dietetici sponsorizzati saranno rimossi da Instagram e Facebook, ma solo quando contengono link o codici sconto per l’acquisto.

La decisione di Facebook e Instagram è sicuramente un passo avanti, ma l’applicazione delle nuove regole sembra avere dei limiti importanti. Come riporta il sito Mashable, i due social rimuoveranno i post che infrangono le nuove regole solo dopo aver ricevuto segnalazioni da parte degli utenti. Quindi dopo che potenzialmente migliaia o, nel caso di certi influencer come le sorelle Kardashian, centinaia di migliaia di persone saranno già state esposte a questi contenuti sponsorizzati. Adolescenti inclusi.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Critiche allo spot delle patatine Amica Chips con Rocco Siffredi: botta e risposta tra una lettrice e l’istituto di autodisciplina pubblicitaria

Da alcuni anni l’azienda Amica Chips ha deciso di impostare la comunicazione pubblicitaria di alcune …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *