Home / Nutrizione / Insetti: contengono più antiossidanti di succo di arancia e olio extravergine. La scoperta dei ricercatori italiani

Insetti: contengono più antiossidanti di succo di arancia e olio extravergine. La scoperta dei ricercatori italiani

Fried insect insettiGli insetti, la cui vendita a fini alimentari è permessa in Europa da più di un anno e mezzo, rappresentano una fonte alternativa di proteine, fibre e sali minerali rispetto alla carne, e per questo vengono considerati una delle possibili risposte al problema dell’allevamento intensivo. Ora però uno studio italiano, condotto da Mauro Serafini dell’Università di Teramo e pubblicato su Frontiers in Nutrition, aggiunge un ulteriore elemento a favore: alcuni di essi sono anche ricchissimi di antiossidanti. E potrebbero rivelare molte sorprese, visto che la maggior parte di essi non è ancora nota.

I ricercatori della Facoltà di Bioscienze e tecnologie per l’agricoltura, il cibo e l’ambiente hanno sottoposto 12 insetti e due invertebrati edibili (un aracnide e uno scorpione) commercialmente disponibili, candidati quindi a entrare a far parte della dieta, a una serie di test specifici per verificare il potere antiossidante tanto della frazione idrosolubile quanto di quella liposolubile.

Gli scienziati hanno così visto che, per quanto riguarda la parte solubile in acqua, le cavallette, i bachi da seta e i grilli sono letteralmente pieni di antiossidanti, al punto che l’estratto acquoso presenta una capacità antiossidante cinque volte superiore a quella del succo di arancia fresco. Al contrario le cicale, le tarantole tailandesi, gli scorpioni neri e le cimici d’acqua giganti ne hanno quantità trascurabili. Quanto ai polifenoli, le specie più ricche sono ancora le cavallette, le formiche e le larve della tarma della farina; in generale, le specie che si nutrono di vegetali sono quelle che producono più molecole antiossidanti.

Anche nella frazione grassa vi sono sostanze antiossidanti preziose e lo si vede bene se la si confronta con l’olio d’oliva: bachi da seta, cicale e bruchi africani hanno grassi benefici in concentrazioni doppie rispetto a esso, mentre formiche nere, tarantole e vermi delle palme ne hanno pochissimi.

antiossidanti insetti studio
L’attività antiossidante degli estratti idrosolubili e liposolubili di 12 insetti e due invertebrati edibili (clicca sull’immagine per ingrandire)

C’è ancora molto lavoro da fare, perché la maggior parte delle molecole antiossidanti non sono state ancora identificate e potrebbero essere diverse da quelle più note. Ciò non significa solo che è necessario scoprire la loro biodisponbilità dopo l’ingestione da parte dell’uomo, ma anche che si potrebbero trovare nuove sostanze a elevato valore nutrizionale. Inoltre bisognerà conoscere bene ogni singola specie di insetti, perché le caratteristiche nutrizionali possono essere, come visto, molto diverse.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Woman Suffering Toothache After Eating Chocolate

Zucchero & carie: è il momento di scelte radicali per la salute dentale. A partire dalle responsabilità di Big Sugar

Le campagne di salute pubblica hanno troppo spesso ignorato quella dentale, ma ora è indispensabile …

4 Commenti

  1. Spero sia vero che hanno ancora tanta volonta’ di approfondire gli studi per cercare di capire cosa c’è di buono ma anche se c’è qualcosa di antinutriente e/o pericoloso per la salute in relazione al loro ,diciamo , stile di vita e all’ambiente piu’ o meno inquinato in cui vivono.
    E’ vero che da tanto tempo svariate popolazioni umane se ne nutrono , ed è pure vero che la fame è una cosa tremendamente seria che aiuta a superare certe diffidenze e pregiudizi ma alla prova dei fatti dopo la naturale curiosita’ per le cose nuove non sono affatto convinto di voler inseguire gli insetti non per mettergli un insetticida sulla coda ma per metterli in tegame.
    Credo che continuero’ a preferire le verdure e a competere con gli insetti per il cibo piuttosto che trasformarli in cibo.

  2. Giovanni Gozzi

    Sarà, ma fra mangiare n’arancia o un kiwi e un povero grillo ancora preferisco la prima ipotesi. Poi mi risulta che la carica batterica anche non banale sugli insetti qualche preoccupazione dovrebbe dare e se tratto col calore per bonificare addio vitamine termolabili.