Home / Lettere / Inserzionisti pubblicitari e indipendenza redazionale: Il Fatto Alimentare chiarisce la propria posizione all’insegna della trasparenza

Inserzionisti pubblicitari e indipendenza redazionale: Il Fatto Alimentare chiarisce la propria posizione all’insegna della trasparenza

Tablet computer, smartphone and newspapers Inserzionisti pubblicitari
Inserzionisti pubblicitari e indipendenza redazionale: Il Fatto Alimentare chiarisce la propria posizione

Spett.le Il Fatto Alimentare,

premetto che sin da subito ho apprezzato (e continuo ad apprezzare) la vostra testata giornalistica, utile come poche. Allo stesso tempo però devo esprimere il mio disaccordo su quanto pubblicate a inizio pagina e cioè che essendo la vostra un’iniziativa che non percepisce risorse extra accettate di buon grado eventuali donazioni da parte dei vostri lettori. Come mai allora fornite spazi pubblicitari ad aziende alimentari (Novi, Conad, Alce Nero e altre), nel caso in cui vi fosse da indagare e scrivere articoli sulle stesse aziende alle quali date spazi pubblicitari sulla vostra testata giornalistica lo fareste comunque e se sì, lo fareste in maniera ineccepibile, vera, chiara e onesta?

Chiedo scusa per i dubbi che ho espresso ma apprezzerete i miei quesiti poiché sono sicuro preferiate avere dei lettori che pongano domande e sollevino dubbi invece che i classici lettori poco attenti e facilmente influenzabili.

Leonardo Fornario

 

Cup of coffee and notebook.Gentile Leonardo, quando è nato questo sito abbiamo ricevuto diverse mail come le sue da parte di lettori che chiedevano delucidazioni sul conflitto di interesse tra pubblicità e giornalismo indipendente. Poi la gente ha iniziato a leggere con attenzione i nostri articoli e ha capito che non è nostra abitudine scrivere finti articoli (detti publiredazionali) per ingraziarci o favorire gli inserzionisti. Facciamo i giornalisti e il codice deontologico vieta qualsiasi promiscuità con gli sponsor, noi rispettiamo semplicemente questa regola. Le aziende che sponsorizzano il sito con i loro banner rispettano il nostro lavoro e comunque il loro contributo copre solo una parte delle spese, come avviene per tutti i quotidiani e per la stragrande maggioranza delle riviste.

Noi non riceviamo contributi pubblici o privati, il sito non fa riferimento a editori o società, ma offriamo articoli redatti da giornalisti professionisti ed esperti dei vari settori, abbiamo pubblicato libri e vademecum che i lettori possono scaricare gratuitamente. Per questo chiediamo un contributo alle persone che apprezzano questo lavoro. Ciò non toglie che senza sponsor non ci sarebbe la nostra testata, come non ci sarebbero le radio, le televisioni private e i giornali italiani che leggiamo e ascoltiamo ogni giorno.

 

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Dieta vegetariana per i bambini, la diversa posizione della Ssnv ravviva il dibattito

Dopo la pubblicazione dell’articolo sulla posizione dei pediatri italiani riguardo la possibilità di adottare la …

Un commento

  1. Avatar

    Oggigiorno molti sono per così dire abituati a vedere la scarsa professionalità di certi giornali/siti, da non credere più ad un lavoro portato avanti onestamente.
    *
    E costringe chi scrive a precisare continuamente che agisce in buona fede, ecc. il che in ogni caso è tutto relativo. Si è mai visto uno che agisce scorrettamente dichiararlo pubblicamente?
    *
    Questo per dire che (vale per il Fatto Alimentare come per chiunque altro), l’attendibilità uno se la conquista sul campo. E se scrivi articoli condizionati dalla pubblicità, si vede.
    *
    Ci vuole poco a perdere la credibilità, vedi ad esempio…> http://paoblog.net/2010/09/06/quattroruote-credibilita/