Home / Pianeta / Impossible Fish, sembra pesce ma non lo è! Impossible Foods lavora al nuovo alimento vegetale

Impossible Fish, sembra pesce ma non lo è! Impossible Foods lavora al nuovo alimento vegetale

salmone forchetta limone asparagi Impossible FishQuante volte avete maledetto il pesce che stavate mangiando per una spina in gola? Ecco, forse sta arrivando una soluzione, anche se non riguarda proprio il pesce. Dopo l’Impossible Burger, l’hamburger vegetale con l’aspetto e il sapore della carne prodotto da Impossible Foods, e lanciato di recente anche da Burger King, ecco in arrivo l’Impossible Fish. L’azienda sta infatti lavorando al nuovo prodotto basato sullo stesso concetto del primo, ovvero un alimento vegetale che fornisca la sensazione di mangiare pesce.

La maggior parte del lavoro è focalizzato sulla biochimica dell’aroma, che può essere riprodotto utilizzando la leghemoglobina di soia, la proteina già presente nella versione “carne”. E l’impegno ha già dato qualche frutto, dato che il team dell’azienda è stato in grado di produrre un brodo aromatizzato alle acciughe a base di piante.

Questa nuova variante alimentare è in fase di sviluppo per rispondere alla domanda di cibo a base vegetale, sempre crescente, e per contribuire a combattere l’esaurimento della fauna ittica. Tutto ciò, come riportato dal New York Times, rientra nello sviluppo di alternative vegetali che l’azienda vuole portare avanti entro il 2035.

Senza dubbio questi prodotti, spiega l’azienda alla testata americana, devono in parte il loro successo ai cosiddetti flexitariani, cioè coloro che vogliono ridurre il consumo di carne e pesce senza però abbracciare una dieta vegetariana. Rimane perciò da vedere se l’Impossible Fish avrà tra i consumatori lo stesso successo del burger. Ciò che è certo è che non ci saranno problemi di lische di pesce in gola.

©Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Simone Finotello

Guarda qui

pesticidi erbicidi campi agricoltura riso

Austria: glifosato addio. È il primo paese europeo a bandire totalmente il controverso erbicida. Ma manca ancora l’approvazione definitiva

Con una decisione senza precedenti, l’Austria dichiara guerra al glifosato attraverso una legge che prevede …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *