Home / Richiami e ritiri / I richiami del giorno: insalata di patate Aldi, filetti di alici sott’olio e formaggio Maccagno

I richiami del giorno: insalata di patate Aldi, filetti di alici sott’olio e formaggio Maccagno

insalata di patate good choice aldiIl ministero della Salute e la catena di discount Aldi hanno segnalato il richiamo precauzionale di un lotto di insalata di patate con olio e aceto a marchio Good Choice di Aldi per la “possibile presenza di frammenti di vetro nel prodotto”. Le confezioni interessate sono da 1 kg con la data di scadenza 21/09/2022.

L’insalata di patate richiamata è stata prodotta per Aldi Srl dall’azienda Wojnar’s Wiener Leckerbissen, nello stabilimento di Laxenburger Strasse 250, a Vienna, in Austria. Per ulteriori possibile contattare il servizio clienti Aldi a numero verde 800 370370, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00 e il sabato dalle 8.00 alle 14.00.

filetti di alici sipaIl ministero della Salute ha pubblicato anche il richiamo da parte del produttore di un lotto di filetti di alici all’olio di oliva a marchio Sipa per la “presenza di istamina oltre i limite di legge”. Il prodotto in questione è venduto in vasetti di vetro da 140 grammi (peso netto), con il numero di lotto PA137 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 17/11/2023.

I filetti di alici richiamati sono stati prodotti dall’azienda Poseido Shpk, nello stabilimento di Shëngjin, nella città di Lezhë, in Albania (marchio di identificazione AL 28 P.P.).

formaggio maccagno antoniotti michelaIl ministero, infine, ha diffuso il richiamo precauzionale ad opera del produttore di un lotto di formaggio Maccagno a marchio Antoniotti Michela per “possibile presenza di germi patogeni (E. coli STEC)”. Il prodotto interessato è venduto in forme cilindriche di circa 4 kg con il numero di lotto 2/7.

Il formaggio Maccagno richiamato è stato prodotto dall’azienda Antoniotti Michela nello stabilimento di Casale Montuccia, nel comune di Veglio, in provincia di Biella (DIA n°317 del 18/06/2013), ed è stato venduto a partire dalla seconda settimana di luglio.

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare i prodotti con i lotti e le scadenze segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 114 richiami, per un totale di 228 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina), ministero della Salute

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Richiamati altri gelati Häagen-Dasz alla vaniglia. Segnalata raclette Carrefour per possibile Listeria

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo volontario da parte del produttore di altri …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *