Home / Pianeta / Colosso della carne Usa entra nel settore degli hamburger vegetali. Tyson Foods acquista il 5% della compagnia californiana Beyond Meat

Colosso della carne Usa entra nel settore degli hamburger vegetali. Tyson Foods acquista il 5% della compagnia californiana Beyond Meat

Hamburger vegetali beyond meat

Tyson Foods, la più grande azienda statunitense del settore della carne, ha deciso di investire nella produzione di proteine vegetali, alternative a quelle della carne di pollo, di manzo e di maiale. La compagnia è la prima a fare una scelta di questo tipo acquistando il 5% della società californiana Beyond Meat, che produce “carne” da fonti proteiche vegetali come ad esempio dai piselli. Quest’anno, Beyond Meat ha iniziato a vendere Beyond Burger, un hamburger che, come osserva il New York Times, quando è sulla piastra sfrigola e trasuda grassi come quelli di bovino. Tanto è vero che la catena di supermercati Whole Foods Market lo ha messo in vendita sullo stesso scaffale della carne. Secondo Monica McGurk, ex-dirigente di Coca-Cola, passata in primavera a Tyson Foods, il Beyond Burger rappresenta un’opportunità per inserirsi in un settore alimentare in rapida crescita.

Sui motivi di questo investimento da parte di Tyson Foods si interroga Michele Simon, direttore esecutivo della Plant Based Foods Association, secondo il quale, si tratta di un segnale da parte per distogliere l’attenzione dalle loro attività commerciali nel settore della carne.

Le nostre abituali fonti di proteine sono destinate a cambiare per rispondere ai bisogni di una popolazione mondiale in forte crescita
Gli hamburger vegetali Beyond Burger sulla piastra sfrigolano e trasudano grassi come quelli di bovino

L’investimento di Tyson Foods, la cui entità non è stata resa pubblica, avviene poche settimane dopo che un gruppo di 40 investitori (in grado di gestire asset pari a 1.250 miliardi di dollari), ha scritto a 16 grandi aziende alimentari, sollecitandole a cambiare la fonte di approvvigionamento, passando dalla carne ai vegetali, per contribuire a ridurre i rischi per l’ambiente e per la salute. Gli investitori chiedono alle industrie alimentari di calcolare i rischi di crisi finanziaria, sociale e ambientale derivanti dall’eccessiva dipendenza dagli allevamenti industriali per alimentare la crescente domanda di proteine a livello mondiale.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Conigli e benessere animale: le gabbie convenzionali sono il sistema di allevamento peggiore. La conferma dell’Efsa

Un parere scientifico dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare conferma quello che in molti sostengono …